Brian Freeman

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Brian Freeman (1963 — vivente), scrittore statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

La danza delle falene[modifica]

Maggie si svegliò di soprassalto. Aveva avuto un incubo. Si chiese se non avesse sognato anche lo sparo.
Le lenzuola nere attorcigliate addosso, la pelle umida di sudore. Il cervello cercava di emergere dal mondo dei sogni, ma l'incubo la stringeva in una morsa. Aveva gli occhi aperti, ma non vedeva nulla. Sentiva mani forti che la tenevano giù. Una puzza di pesce le entrò nel naso, provocandole un conato di vomito, ma la sua bocca era tappata. Maggie prese a pugni l'uomo, ma si sentiva come una mosca che sbatte inutilmente contro il vetro di una finestra nel tentativo di uscire. Lui rise, una risata cattiva. Lei gridò.

Polvere e sangue[modifica]

4 luglio 1977

Sono arrivata a casa verso mezzanotte. Dal vicinato provenivano ancora fischi e scoppi di fuochi artificiali. La pioggia battente si era ridotta a un'acquerugiola nebbiosa e le strade erano animate da festeggiamenti abusivi. I bengala si aprivano sopra gli alberi come fiori dai contorni sfocati. Le girandole sibilavano. I petardi tuonavano. La notte estiva odorava di dolciumi e fiammiferi bruciati, mentre io dal cortile osservavo l'arcobaleno di luci tutto intorno a me. Dall'isolato accanto provenivano le voci di ragazzini che urlavano come indiani assetati di sangue. Io stessa mi sentivo pervasa di allegria ed eccitazione.

Bibliografia[modifica]

  • Brian Freeman, La danza delle falene, traduzione di Alfredo Colitto, Piemme, 2011. ISBN 9788856619843
  • Brian Freeman, Polvere e sangue, traduzione di Alfredo Colitto, Piemme, 2009. ISBN 9788856602678

Altri progetti[modifica]