Brian Froud

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Froud nel 2012

Brian Froud (1947 – vivente), pittore e illustratore inglese.

Dal commentario del Blu-Ray di Dark Crystal

in Commentario audio: Dark Crystal. Narratore: Brian Froud. Registi: Jim Henson e Frank Oz. 1982. Steelbook 2 Dischi. Universal, 2018.

  • Per tutto questo film ci sono molti simboli. Ho dovuto disegnare un mondo intero, un mondo che non era mai stato visto prima e che [...] si percepisse essere reale, che avesse, in particolare, una storia. Aveva un passato, perché eravamo appena arrivati in questo posto e dovevamo credere in quello che vedevamo. Così pensai che se ogni cosa che si vedeva avesse avuto sopra qualche simbolo, e forme che sembrassero essere collegate in maniera specifica a questo mondo, si avrebbe avuta l'impressione che fosse un mondo antico.
  • Qualche anno fa, alla presentazione di questo film ad Albuquerque, c'era un pubblico di studenti universitari. Non riuscirono a cogliere quello che vedevano.
    Dicevano:"Beh, cos'è questo?"
    E io risposi: "Sono pupazzi".
    Il fatto è che loro erano cresciuti nell'era del digitale e il digitale ha la sua qualità, e questo ha un altro tipo di qualità, ed è per via del fatto che è reale. È fisico. Tutto quello che vedete è stato costruito. [...] La gravità ne fa parte, quindi tutto cade e si muove nel modo che conosciamo. E questo conferisce molta immediatezza al film. E penso che questo sia quello che il pubblico apprezzi del film ancora oggi. Pensavamo di fare altri film come questo, ma non li abbiamo mai fatti. Quindi questo spicca, rimane isolato come una specie di evento speciale.
  • Una volta ho visto questo film in italiano, ed era esilarante. [...] Questa scena [degli Skeksis che complottano fra di loro], in particolare, era molto divertente, perché quando lo ascolti in italiano, è come se fosse un Vaticano demente.
  • [Su Aughra] A proposito di simboli, è un altro personaggio simbolico. [...] Secondo me, è davvero madre terra. È davvero la Terra di per sé. Voglio dire, conosce bene questo mondo e non te lo dice, e mantiene segrete alcune cose. Quindi, voglio dire, è molto ambivalente, per questo mi piace. Non sai mai esattamente da che parte sta.
  • [Su Aughra] Vedete, la disegnai con un occhio solo. Secondo la tradizione, avere un solo occhio significa avere un occhio che guarda all'infuori, al mondo, e l'altro, quello che non ha, guarda verso l'interno, che è discernimento. Questo significa che è saggia. Inoltre ha, se ci fate caso, ha, al centro della fronte, questa pietra, e quello è il simbolo del terzo occhio, dell'intuizione psichica.
  • Abbiamo inventato una storia che ci piaceva. Cioè, abbiamo fatto questo film per noi stessi. [...] Non si potrebbe rifare. I commercialisti non ti permetterebbero di farlo, o gli addetti al marketing direbbero: "Beh, chi...? Dovete definire il vostro audience". E Jim voleva solo divertirsi. Voleva sperimentare delle idee e credo davvero che questo abbia un aspetto mistico tipico di Jim Henson. Sapete, era un pensatore profondo. E credo che questo [...] indica parte della sua filosofia sul fatto che tutto sia collegato, qui. Ecco perché quando lo disegnai, ho messo questi simboli e geometria. Tutto, persino le creature, hanno simbolismi. E dice che tutto in questo mondo è collegato, che tutti hanno bisogno di contare sul prossimo, e lo fanno davvero. La risoluzione del film è portare le creature tutte insieme.
  • Il Gran Ciambellano tiene uno scettro ed ha una forma tipo uncino. Ora, l'idea dietro questo simbolismo è che c'era questo simbolo, che è l'ouroboros, che è un serpente che ingoia la sua stessa coda. E questo è un simbolo di rinnovo, e gli Skeksis hanno interrotto questo ritmo. Non esiste il rinnovo, hanno rotto il cerchio. [...] Quello era prima un dragone, ed ora è più questo orribile insetto. Fuori dalla bocca gli viene fuori questo artiglio, ed è una alterazione di qualcosa che un tempo era bella.
  • Ora, l'occhio di Aughra, di cui ne parlavo prima, è anch'esso simbolico di per sé. Non solo per il discernimento, ma la forma riguarda ciò che sta per succedere. Ci sono simboli di cerchi nel film e quando arriviamo alla Grande Congiunzione tre cerchi si uniscono in una linea. E quando succede, creano un occhio. E l'occhio di Aughra era un indizio di quanto sia importante anche lei nello sviluppo di questa storia.
  • Ci sono simboli sui costumi dei Mistici ed anche sui loro volti. Queste creature sono fatte dalla terra in un senso e lo riflettono. E ci sono trame e ritmi di natura disegnati su quei costumi, come guardare ad un modello del tempo o come guardare al DNA che è tutto fatto di spirali. Spirali, di nuovo, sono molto importanti in questo film.
  • Ora, la figura risolutiva, l'urSkeks, mi delude un po' perché era un effetto speciale. Abbiamo creato davvero il pupazzo, ma sebbene le acconciature sono delle specie di rametti brillanti, era inteso che dovesse essere soltanto l'inizio. Nel mio design c'era piu luce dentro. C'era dell'energia che fluiva attraverso. Se vedete, al centro di queste figure ci sono delle spirali e tutte queste dovevano muoversi.
    E continuavo a dire a Jim: "Beh, come stanno venendo gli effetti speciali?"
    Lui disse: "Beh, sono lenti, ma stanno venendo".
    E quando ho potuto vedere il film, dopo ho detto: "Ma, Jim, dove sono le altre parti?"
    So che alla gente questo piace, ma sarebbe dovuto essere incredibilmente più bella, perché questi, ora, stanno trascendendo. Queste sono le creature che hanno, attraverso i migliori desideri e tentativi di abbandonare la parte brutta di loro stessi, la parte malvagia, hanno causato una rovina nel mondo. Ed il fatto che non potevano affrontare il loro stesso lato vuoto ha causato un problema.

Filmografia[modifica]

Altri progetti[modifica]