Al 2021 le opere di un autore italiano morto prima del 1951 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Camillo Agrippa

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Camillo Agrippa

Camillo Agrippa (XVI secolo), schermidore, architetto, ingegnere e matematico italiano.

Incipit di alcune opere[modifica]

Dialogo sopra la generatione de venti, baleni, tuoni, fulgori, fiumi, laghi, valli et montagne[modifica]

INTERLOCVTORI
TIBERIO E CAMILLO.

T. Mi resta nell'animo di saper la causa de i venti, & de diuersi effetti loro; perche in vero sono tanti, che non sò pensare come sia possibile à renderne ragione che sodisfaccia intieramente per tutti.
C. Io dirò il mio parere, & non douete voler da me più di quello, ch'io posso dare.
T. Sarebbe vergogna à voler più del possibile, dite pur sù allegramente:
C. Voi sapete, che dal moto, dal quale nascono tutte l'altre cose, nascono ancora i venti. Perche il caldo, freddo, humido, secco, il graue, & lieue sono i principij della spiratione, per l'infacciamento dell'vni & l'altri, quali s'imprestano, & si rendono. Quali effetti sono pur causati dal moto diurno prima, è dal cambiar di luogo in Cielo, che fa il Sole, & la Luna, & gl'altri pianeti: si che ne nascono caldo, freddo, humido, secco, graue, & leggiero, più, & manco, ingrossandosi, & assottigliandosi, hor l'vno hor l'altro elemento; talche i moti de cieli, & delle stelle fanno ancora mouere i quattro elementi; & da quelli moti nasce la spiratione, dalla spiratione le diuerse sorti di venti.

Frontespizio di Nuove inventioni sopra il modo di navigare

Nuove inventioni sopra il modo di navigare[modifica]

Per esser la nauigatione tanto importante, & hauendone sin hora tanta theorica, & tanta prattica; nondimeno, per esser le scientie lunghe, & le prattiche sempre atte a migliorarsi, ho preso ardire di trattare dell'istessa nauigatione, & cose pertinenti alla prattica di quella, cioè dir sopra questo soggetto quel che ho considerato, & ritrouato di nuouo, si come manifestamente si consocerà nel presente Discorso. Si che, per fondamento di quel che s'ha da trattare, dirò, che la circonferenza, che fa il vascello, per sua natural grauezza inchinato al centro, non può esser altra che circonferenza d'un circolo, il cui centro è quello del mondo, si come sono l'equinottiale, l'eclittica, li meridiani, si che in qual si voglia luogo, ch'andarà la naue, hauerà sempre per sua natura questa inchinatione.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]