Carl Wilhelm Schnars

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Frontespizio dell'edizione originale de La terra incognita

Carl Wilhelm Schnars (1806 – 1879), archeologo, giornalista e viaggiatore tedesco.

Citazioni di Carl Wilhelm Schnars[modifica]

  • Davanti a me si ergeva il piccolo capoluogo della Basilicata, come una fortezza a difesa degli abitanti di questa gola, e gli ultimi raggi del sole calante facevano risplendere nel modo più netto i contorni delle montagne.[1]
  • Quando nell'anno 1846 il re Ferdinando II in una specie di sopralluogo militare, attraversò la Basilicata con un reparto dell'esercito, si ritenne questa un'impresa molto ardita; tanto più che per lungo tempo da parte di sua maestà e del suo seguito non si ebbero notizie. Si favoleggiarono allora cose su uomini e animali selvaggi, su foreste impenetrabili, su bande di briganti ed esperienze di tutti i tipi: e si restò non poco sorpresi, un bel mattino, vedendo tutto il corpo della truppa fresco ed allegro rientrare nella capitale.[2]

Note[modifica]

  1. Da La terra incognita. Diario di un viaggiatore tedesco in Basilicata; citato in Ina Macaione, Armando Sichenze, Urbsturismo. Dimensioni culturali, progetto e prime esperienze in Basilicata, FrancoAngeli, 1997, p. 287.
  2. Da La terra incognita. Diario di un viaggiatore tedesco in Basilicata; citato in Luca Clerici, Il viaggiatore meravigliato, Il Saggiatore, 2008, p. 72.

Altri progetti[modifica]