Carlo Quartucci

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Carlo Quartucci (1938 – vivente), attore, regista e scenografo italiano.

  • […] quando ho finito il liceo, avevo in testa il quadrato di Malevič, il campo di grano giallo con corvo nero di Van Gogh, il punto e linea di Kandinskij, questo era il mio mondo… […], per cui quando ho preso questo testo, Godot, non è che mi sono occupato di cosa volesse dire, avevo letto che c'erano delle persone con la bombetta in testa che per due ore non dicevano niente, allora avrò inteso chissà che senso ha, come mi si può dire: ma non c'è niente in quel quadrato bianco, è solo un quadrato bianco.[1]
  • Si assiste da qualche anno ad una progressiva "piccola stabilizzazione" della attività teatrale. […] "I teatrini" tendono a essere aggregati al mastodontico carrozzone degli Stabili, i quali ormai trovano posto anche per l'avanguardia, creando "miniedifici" in grado di ospitarla, inventando strani giorni di riposo riservati ad essa, matinée, rassegne denominate "vetrine" ecc., ma collocandola a "latere" o comunque in un contesto che impedisca ad essa di sovrapporsi all'attività tradizionale.[1]

Note[modifica]

Altri progetti[modifica]