Chariteo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Benedetto Gareth o Benet Garret detto il Chariteo (1450 circa – 1514), poeta, oratore, letterato e musicista spagnolo di origine catalana, naturalizzato italiano.

Rime[modifica]

  • Son gemini gli Amori: un, casto et pio; | l'altro furente in desiderio insano: | questo si mostra in terra in volto humano, | quel vola per li cieli a lato idio. || Qual di duo raccendesse il petto mio, | lo sa colei, che 'l cor mi tiene in mano: | arsi da presso, et arsi di lontano, | con la speranza eguale al gran desio. || Con vïolenta voglia et importuna, | anhelando al sidereo, almo paese, | servii senza cercar mercede alcuna. || Celeste fu la fiamma che m'accese: | ché di quelle, che in ciel movon la luna, | una angelica forma il cor mi prese. (Sonetto II, Endimione, p. 8)
  • Io son pur come 'l cygno in mezzo a l'onde, | che quando il fato il chiama al giorno extremo, | alzando gli occhi al ciel cantando more. (da Sonetto VII, Endimione, p. 11)
  • Seconda patria mia, dolce Sirena, | Parthenope gentil, casta cittade, | nido di leggiadria et nobiltade, | d'ogni vertute e di delicie piena; || con tal dolor ti lascio e con tal pena, | qual, lasso!, io mai soffersi in nulla etade. | A dio, amici!, a dio, dolci contrade: | Hor qui ragion le lagrime non frena. || Vivete voi felici, a cui finita | è già la sua fortuna; io son chiamato, | d'un fato in altro, in faticosa vita. || Mai nullo mal mi venne inopinato: | dal giorno, che lasciai la patria avita, | io fui da fati iniqui exercitato. (Sonetto CLXXII, Endimione, p. 211)
  • Vergine, innupta in terra, in cielo sposa | del sempiterno Amor, vergen feconda, | quanto più fertil, tanto più pudica, | circondasti colui che 'l ciel circonda; | et, qual vasel pien de liquor di rosa, | che, chiuso, un dolce odor di fuore explica, | paristi il sommo ben senza fatica. | Et miracol non fu non darti doglia, | chi di dolor ti spoglia [...] (da Canzone quarta, Canzoni di Chariteo in la natività de la gloriosa madre di Jhesu Christo, p. 269)
  • Immenso è 'l tuo splendor: il più facondo | arde per te in silentio, sol pensando | ch'a te non giunge il viso de la mente. | Chi ti vede, ti può lodar cantando; | non chi vive in pregion del picciol mondo, | ove chi intende, è vinto da chi sente, | porta di Iano chiusa eternamente, | porta d'Ezechïel chiusa in eterno, | sol pervia al sol superno, | serba tu la gentil sacra, cittade, | Napol, di Muse et divi antiquo hospitio; | di trabea degna et non d'aspro cilitio. | Priega il gran Re, più che 'l principio antico, | più che 'l fin de l'etade | perpetuo, che li renda il fato amico. (da Canzone quinta, Canzoni di Chariteo in la natività de la gloriosa madre di Jhesu Christo, pp. 275-276)
  • Salve, o faüsto et fortunato giorno, | natal de la Regina alma del cielo, | per cui la verità nacque di terra. | O luminoso dì, degno di gloria; | restisi il sol nei meridiani templi, | de la vita eternando il lume dolce. || Vergine, humana et pia, soave et dolce, | lucido sol del nostro eterno giorno, | che spargi i rai per li divini templi, | per te virtute è consecrata in cielo, | per te son vive et senton vera gloria | l'alme, che pregian poco l'impia terra. || [...] || Per te è più gloria nei celesti templi, | per te 'l giorno non pate ombra de terra, | per te più dolce è 'l bel lume del cielo. (da Canzone sesta, Canzoni di Chariteo in la natività de la gloriosa madre di Jhesu Christo, p. 277)
  • – Parthenope son io, piena di duolo: | Non men beäta pria, c'hor infelice, | squarciata in mille parti, equata al suolo. || Misera me!, fruïr più non mi lice | Primavera, che sempre in me fioriva; | ché Venere è conversa in diva ultrice! || Libera fui gran tempo, hor son captiva, | in man di fieri monstri, horrendi et diri[1], | quai Protheo doma in la Carpathia riva. || Qual re più fida in regno, in me si miri | come in lucido specchio! O re possenti, | imparate frenar vostri desiri! || Non vi inganne il piacer di ben presenti, | ché sempre a voi minaccia il Re magiore | ciò che temon di voi le minor genti. (Da Canto secondo, Libro de la Metamorphosi di Chariteo, pp. 306-307)

Note[modifica]

  1. I francesi di Luigi XII che occuparono Napoli dal 4 agosto 1501 al 16 maggio 1503. Cfr. più dettagliatamente la nota 8 a p. 306.

Bibliografia[modifica]

  • Benedetto Gareth, Rime. Secondo le due stampe originali, con introduzione e note di Erasmo Pèrcopo, Tipografia dell'Accademia delle Scienze, Napoli, 1892, [1]

Altri progetti[modifica]