Chesbon

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Citazioni su Chesbon.

  • All'ombra di Chesbòn si fermano | spossati i fuggiaschi, | ma un fuoco esce da Chesbòn, | una fiamma dal palazzo di Sicòn | e divora le tempie di Moab | e il cranio di uomini turbolenti. (Libro di Geremia)
  • Chesbòn infatti era la città di Sicon, re degli Amorrèi, il quale aveva mosso guerra al precedente re di Moab e gli aveva tolto tutto il suo paese fino all'Arnon. Per questo dicono i poeti: "Entrate in Chesbòn! | Ben costruita e fondata | è la città di Sicon! | Perché un fuoco uscì da Chesbòn, | una fiamma dalla città di Sicon | divorò Ar-Moab, | inghiottì le alture dell'Arnon. | Guai a te, Moab, | sei perduto, popolo di Camos! | Egli ha reso fuggiaschi i suoi figli | e le sue figlie ha dato in schiavitù | al re degli Amorrèi Sicon. | Ma noi li abbiamo trafitti! | È rovinata Chesbòn fino a Dibon. | Abbiamo devastato fino a Nofach | che è presso Madaba". (Numeri)
  • Emettono urla Chesbòn ed Elealè, | le loro grida giungono fino a Iàas. | Per questo tremano le viscere di Moab, | freme la sua anima. (Libro di Isaia)
  • Non esiste più la fama di Moab, | a Chesbon tramano il male contro di essa: | «Venite ed eliminiamola dalle nazioni». (Libro di Geremia)
  • Sono squallidi i campi di Chesbòn, | languiscono le viti di Sibmà. | Signori di popoli | ne hanno spezzato i tralci | che raggiungevano Iazèr, | penetravano fin nel deserto; | i loro rami si estendevano liberamente, | giungevano al mare. | Per questo io piangerò con il pianto di Iazèr | sui vigneti di Sibmà. | Ti inonderò con le mie lacrime, | Chesbòn, Elealè, | perché sui tuoi frutti e sulla tua vendemmia | è piombato il grido dei vignaioli. (Libro di Isaia)

Altri progetti[modifica]