Christoffer Carlsson

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Christoffer Carlsson

Christoffer Carlsson (1986 — vivente), scrittore svedese.

Incipit de Lo strano caso di Stoccolma[modifica]

Vedo il mio riflesso nel vetro scuro della vetrina. Ecco come tutto ha inizio.
L'immagine è deformata, bugiarda. Le mie mani inquiete come uccelli. Dalla tasca interna della giacca estraggo goffamente un pacchetto di sigarette mezzo pieno, ne tiro fuori una e la osservo. Poi la infilo tra le labbra e con un clic la accendo, senza esitazioni.
Non chiudo gli occhi da due settimane. Probabilmente sono due settimane che non dormo. L'insonnia mi rende insicuro di me stesso e del mio corpo.
Comincio a camminare. Il riflesso scuro mi segue, esce dal margine della vetrina e poi scompare. La locandina di un'edicola mi informa su come bisogna vestirsi e apparire quest'anno. La sigaretta ha un effetto meraviglioso su di me e lentamente torno un essere umano. Mi sento distaccato, fresco come l'odore di banconote nuove di zecca, libero da quello che ero una volta.
I movimenti e i pensieri fluttuano.
Ecco come tutto ha inizio.

Bibliografia[modifica]

  • Christoffer Carlsson, Lo strano caso di Stoccolma. Vincent Franke e la donna venuta dal nulla, traduzione di Mattias Cocco, Newton Compton, 2010. ISBN 9788854122284

Altri progetti[modifica]