Contestazione studentesca

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Citazioni sulla contestazione studentesca.

  • Contestazione, contestare sono termini che significano mettere in discussione, con maggiore o minore violenza, una struttura o un individuo che detiene un'autorità ma che l'ha trasformata in autoritarismo, strumento di potere sugli altri. Nel 1968 tutto il mondo fu scosso dalla contestazione studentesca nelle università. (Giovanni Mocchetti)
  • Gli scontri violenti veri e propri cominceranno nel marzo del '68 e segneranno il punto estremo della radicalizzazione politica della contestazione studentesca. Quello più noto in Italia fu la cosiddetta battaglia di Valle Giulia. (Giovanni Mocchetti)
  • Il paese in cui la protesta studentesca fu più violenta e generale al punto di far quasi crollare il governo (allora capo dello stato era il generale De Gaulle) fu la Francia. Il famoso «maggio» francese nacque da una protesta degli universitari di Nanterre contro le limitazioni che il ministro dell'Educazione Nazionale Peyrefitte aveva imposto agli studenti che volevano entrare nel convitto femminile. (Giovanni Mocchetti)
  • Nella Germania Federale la protesta studentesca non fu originata dalle catastrofiche condizioni dell'università come in Italia. Ebbe altre cause, due per l'esattezza. La prima fu l'incapacità, da parte dell'istituzione universitaria in Germania, ad assicurare una qualificazione della forza lavoro adeguata alle esigenze dello sviluppo industriale... la seconda che, quelli che protestarono, erano studenti che appartenevano alla prima generazione di universitari che non avevano conosciuto di persona il nazismo e che non erano cresciuti in clima fascista. (Oskar Negt)

Voci correlate[modifica]