Dan Greenburg

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Dan Greenburg (1936 — vivente), sceneggiatore e scrittore statunitense.

Incipit di Nanny[modifica]

Il dolore straziante era passato. Soltanto il ricordo aleggiava ancora, come il dolore fantasma di un arto amputato. Le fiamme avevano purificato quasi tutto ciò che di umano c'era in lei. Liberarsene era stato un sollievo.
Si avvicinava alla casa, avanzando tra la neve alta nel fitto bosco. Era notevolmente più leggera ora: quel settanta per cento del suo corpo fatto d'acqua si era prosciugato nel fuoco, sfrigolando, bollendo ed evaporando.
Si fermò dietro gli ultimi cedri. Nella casa le luci erano spente. Sebbene i suoi occhi bruciati avessero lasciato il posto a profonde cavità, riusciva a vederlo con quella parte di lei che non aveva bisogno di occhi.

Bibliografia[modifica]

  • Dan Greenburg, Nanny, traduzione di Grazia Gatti, Sperling Paperback, 1995. ISBN 8878244740

Altri progetti[modifica]