Daniel F. Galouye

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Daniel Francis Galouye, con lo pseudonimo di Louis G. Daniels (1920 – 1976), scrittore statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

Prometeo rimesso in catente[modifica]

Come Prometeo Trionfante, libero infine dai ceppi che lo legavano alla roccia battuta dalle tempeste, la gigantesca flussonave si sollevò tra gli ultimi brandelli di resistiva atmosfera e percorse maestosamente la struttura dello spazio geomagnetico.

Universo senza luce[modifica]

Fermandosi accanto allo spuntone di roccia, Jared lo tastò con la lancia. Echi ben distinti e distaccati riempirono la galleria.
— Lo senti? — domandò. — È proprio qui davanti.
— Non sento nulla. — Owen si spinse innanzi, inciampò e andò ad urtare leggermente la schiena di Jared. — Nulla, tranne fango e spuntoni rocciosi.
— Non senti i pozzi?
— Affatto.
— Ce n'è uno a non più di venti passi. È meglio che tu mi resti vicino.

Bibliografia[modifica]

  • Daniel F. Galouye, Prometeo rimesso in catene, traduzione di G.L. Staffilano, in "Anno 2000", a cura di Harry Harrison, Mondadori, 1999. ISSN 11205288
  • Daniel F. Galouye, Universo senza luce, traduzione di Sandro Pergameno, Ed. Nord, 1980.

Altri progetti[modifica]