Daniele Piccini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Daniele Piccini

Daniele Piccini (1972 – vivente), poeta, critico letterario e giornalista italiano.

Citazioni di Daniele Piccini[modifica]

  • Fra le voci qui proposte, almeno due meritano di essere segnalate: quella di Lillo Gullo, felice e sonora, e quella, risoluta e originale di Paola Mastrocola.[1]

Marìa Elena Cruz Varela/L'angelo consunto[modifica]

Incipit[modifica]

La storia recente della poesia cubana sembra dividersi fra due atteggiamenti parimenti anti-letterari. Da una parte la propensione a un discorso, quotidiano e l'inserzione di elementi dialogici hanno nutrito quella linea di ricerca che venne definita "colloquialismo" mirante ad immergersi nella dimessa realtà di ogni giorno (il suo punto di partenza può essere individuato nel prologo all'antologia Poesia jiven de Cuba del 1959). Dall'altra l'armamentario ideologico e dogmatico della Rivoluzione ha ispirato a varie riprese una poesia gonfiata dalla vena dell'impegno politico, resa un poco oratoriamente a condividere le ragioni del regime castrista e degli altri fronti rivoluzionari come quello nicaraguense.

Citazioni[modifica]

  • Quello che la poetessa si propone è un'offerta d'amore nonostante tutto ("Difficile. Difficilissimo un poema d'amore in questi tempi"), una parola stratificata di pena e speranza, non appiattita sul presente ma coinvolta in una vicenda eternamente in atto di dolore e riscatto.
  • Anche quando con dura necessità preme il dolore, la Varela lo innesta sulla figuratività del suo discorso, sulla metaforizzazione continua della parola, che non si lascia abbassare o deprimere dal duro giogo della sopraffazione, della muta violenza...

[Daniele Piccini, Marìa Elena Cruz Varela/L'angelo consunto, Poesia, settembre 2001, n. 153, Crocetti Editore]

Note[modifica]

  1. Da Le voci nuove del "Premio Montale", Letture, n. 570, ottobre 2000.