Diane di Prima

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Diane di Prima nel 2004

Diane di Prima (1934 – 2020), poetessa statunitense.

Citazioni di Diane di Prima[modifica]

  • [...] tu per me con i capelli bianchi, la statura i tuoi occhi | fieri e azzurri, rari in un italiano, e io stavo | in disparte guardando te, mio nonno | che la gente ascoltava, e io sto | in disparte a sentire mentre servo la minestra | giovani con la luce sui volti | alla mia tavola, parlano d'amore, parlano di rivoluzione | che è amore, pronunciato alla rovescia, oh, quanto | ci ameresti tutti, tuoneresti la tua sapienza anarchica | su di noi, declamando Dante, e Giordano Bruno, uomini ligi | a servire i tuoi scopi, bene, devi sapere | che lo facciamo per te e per il tuo sangue, per Carlo Tresca, | per Sacco e Vanzetti, senza saperlo | o pensarci, come lo facciamo per Audrey Beardsley | Oscar Wilde (tutti i fanali delle strade | saranno viola), lo facciamo | per Trotskij e Shelley e il grosso/ottuso | Kropotkin | gli scioperanti di Eisentsein, l'ennui di Jean Cocteau, lo facciamo per | le stelle sopra il Bronx | che possano guardare la terra | senza vergogna.[1]

Note[modifica]

  1. Da Poesia di compleanno-pesce d'aprile per il nonno, in Beat Generation 67 poesie, traduzione di Massimo Bocchiola, Mondadori, Milano, 1997, p. 94. ISBN 88-04-42709-4

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]