Dietland

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Dietland

Serie TV

Questa voce non contiene l'immagine della fiction televisiva. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Dietland

Lingua originale Lingua inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno

2018

Genere commedia drammatica
Stagioni 1
Episodi 10
Ideatore Marti Noxon
Soggetto Sarai Walker
Rete televisiva AMC
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Dietland, serie televisiva commedia drammatica statunitense trasmessa nel 2018, ideata da Marti Noxon.

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

Stagione 1[modifica]

Episodio 1, Pilota[modifica]

  • Un tempo rispondevo alle lettere inviate in una rivista di moda da ragazze di ogni parte del mondo. [...] Questa sono io, Alice Kettle. Tutti mi chiamano Prugna perchè sono rotonda e succolenta o come si dice grassa. Va tutto bene, mi è permesso dirlo. (Prugna)
  • Quando guardo indietro penso com'era prima la mia vita. Mi sentivo come chiusa in una scatola. In un plastico. Ovunque andassi doveva essere massimo a cinque isolati di distanza. Appartamento, bar, gruppo di recupero. Appartamento, bar, gruppo di recupero. (Prugna)
  • Prugna: Il mio lavoro consisteva nel rispondere alle lettere che le ragazze inviavano a Daisy Chain, l'editrice era...
    Kitty: Kitty Montgomery, dirigo le riviste femminili Austen Media. Tutto ha avuto inizio quando ho deciso di riportare in auge il noto magazine Daisy Chain. Ah, non assomiglio ad un Dracula di cera rachitico, sono solo maldicenze.
  • So che Prugna pensa che sia un'idiota, ma la pago per essere intelligente. Chi è l'idiota tra le due? (Kitty)
  • Prugna: Mio zio mi ha detto che mi abbasserà l'affitto.
    Steven: Di nuovo? Tra poco ti pagherà per stare lì dentro.
    Prugna: Io innaffio le sue piante. Mi spacco la schiena, è faticoso.
  • A parte Steven e poche altre persone, ho imparato a vivere solo contando su me stessa. Il mio corpo era quella cosa che usavo solo per muovere la testa. Mi sono persa molto. (Prugna)
  • Janice: Non ha bisogno di dimagrire.
    Karen: Mio marito non la pensa così.
    Janice: Oh, si fotta tuo marito.
    Psicoterapeuta: Janice, non diciamo parolacce qui.
    Janice: Ah, scusate. Si fotta tuo marito.
  • Psicoterapeuta: Prugna, vuoi spiegare a Janice la nostra filosofia. Prugna sta facendo davvero un ottimo lavoro.
    Prugna: Le persone non vengono in questi incontri perchè si sentono bene con loro stesse. Vengono qui perchè sono pronte di sentirsi bene dentro al loro corpo.
    Janice: Vuoi prendermi in giro? Io mi sento bene, davvero. Io adoro come sono fatta.
    Psicoterapeuta: Janice...
    Janice: Oh, no. Fanculo a tutte le vostre inutili cacate. Sono venuta qui per riuscire a perdere peso, perchè ho dei problemi alla schiena e non perchè odio il mio corpo.
    Psicoterapeuta: Possiamo parlarne se vuoi...
    Janice: Oh, non voglio no. Non mi toccare troietta. Io sono un unicorno. Io sono una dea. E... la mia fica attira più cazzi di quanto voi immaginate.
  • Devi scavare dentro di te e capire perchè continui a sabotarti. Prugna, è ora di dire addio al cibo di conforto. Il cibo è carburante. Nient'altro. (Psicoterapeuta)
  • Psicoterapeuta: Come ti senti?
    Prugna: Affamata. E arrabbiata per essere affamata.
  • Il 90% dei miei pazienti dice che lo stress è il motivo per cui si abbuffano. Be', quello più la solitudine. Ma tutti siamo soli, vero? (Psicoterapeuta)
  • Sei brava nel tuo lavoro. Mi fai sembrare così colta, proprio come vorrei essere, ma il tempo non basta mai. (Kitty)
  • Prugna: Non può inorarmi per sempre.
    Steven: Certo che può farlo.
    Prugna: Sì hai ragione, può.
  • Julia: Ho una domanda per te: chi è più oppressa? Una donna avvolta dal burka dalla testa ai piedi o una delle donne in bikini che appaiono sulla copertina del tuo magazine?
    Prugna: Mi hai posto una domanda davvero interessante. Una di quelle cui non so rispondere. Una donna copre il suo corpo mentre l'altra da mettere il suo in mostra. Possiamo considerarle due facce della stessa medaglia.
  • Le donne in media spendono un'ora al giorno per prepararsi. Un anno nell'arco della vita. Senza contare le diete e il disprezzo di se. (Julia)
  • Prugna: E' la natura umana. Alle persone piacciono le cose belle.
    Julia: Non sei un oggetto. Tu sei una donna. Dovresti abbellire te stessa assecondando il tuo gusto personale.

Episodio 2, Morbida pancia (Morbida la vita)[modifica]

  • Credo che sia stata Margaret Atwood a dire che la grande paura delle donne è essere uccise dagli uomini. Mentre quella degli uomini: essere derisi. Io le avevo entrambe. (Prugna)
  • Prugna: Ho seguito il programma in modo scrupoloso.
    Dottore: Allora è giunta l'ora di cambiarlo.
    Prugna: Vibromassaggiatore a fasce, dieta del tè verde, hot yoga, semi di chia, cibi crudi, terapia del sudore, digiuno, meditazione, Herbalife, terapia del sonno, dieta Paleo, diario attività, agopuntura, pillole per bruciare i grassi, ipnosi. Ho provato qualsiasi cosa, compreso pregare tutti i giorni.
  • La gente non riesce a guardare se stessa da fuori e tu lo sai. Poi ci sono molte persone orribili che sono convinte che qualsiasi cosa facciano sia grandiosa ed altre... e altre invece che pur rendendo il mondo un posto migliore, si considerano dei pezzi merda. (Leeta)
  • Julia sa che tu e io siamo troppo intelligenti. Noi siamo troppo intelligenti per le vite che eravamo convinte di meritarci. Noi siamo speciali. (Leeta)
  • Nel nostro ambiente se inizi a sembrare una nonna, sei fuori. Martha Stewart lo può fare: vende pistole per colla a caldo. Ma per i best markers, no. (Kitty)


Altri progetti[modifica]