Discussione:Franz Kafka

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Aforismi di Zürau[modifica]

Solo per precisare che in questo paragrafo ho riferito alla fonte 2004 (Calasso) le citazioni che ho trovato come già raggruppate e a questa fonte riferite: qui. Ma se effettivamente a questa fonte appartengano non saprei dire. Quelle che ho invece io aggiunte, di certo appartengono alla fonte 1988 (Anita Rho e Italo Alighiero Chiusano).
--DonatoD (scrivimi) 22:49, 7 nov 2011 (CET)

Il processo[modifica]

Inserimenti di citazioni (senza traduttore):

[1] [2] [3] [4]
Sono altresì senza traduttore quelle dai Diari.
Queste sono indicazioni per chi voglia sistemare definitivamente questa Pagina. Rintracciare e quindi verificare tutte queste citazioni è lavoro gravoso: la cosa migliore sarebbe inserire altre citazioni (che abbiano traduttore certo e magari anche il numero di pagina) e togliere queste.
--DonatoD (scrivimi) 23:41, 7 nov 2011 (CET)

Senza fonte[modifica]

  • I Sentieri si costruiscono viaggiando.
  • La giovinezza è felice perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque sia in grado di mantenere la capacità di vedere la bellezza non diventerà mai vecchio.
  • La forza che si oppone al destino è in realtà una debolezza.
  • Non c'è di peggio del disordine quando si hanno capacità esigue.
  • Non disperarti, non anche per le situazioni che non lo richiedono.
  • Ogni rivoluzione evapora, lasciando dietro solo la melma di una nuova burocrazia.
  • Se i francesi fossero stati come i tedeschi nella loro essenza, allora come non avrebbero potuto i tedeschi ammirarli!
  • Se esiste la trasmigrazione delle anime, non sono ancora arrivato al livello più basso. La mia vita è un'esitazione prima della nascita.

Vergogna.[modifica]

Per quel che può valere la mia opinione, suppongo che l'enfasi dat'alla vergogna origini dall'esegesi antiagostiniana con cui dop'il Vaticano II s'è riletta la nostra tradizione scritturale ebraico-cristiana: nel(la) Genesi, al verso 2, 25, la prima emozione attribuit'all'esser'umano è questa e non un fantomatico senso di colpa ch'invece non trov'alcun riscontro. Ne ho già accennato su en.Pedia (traduzione italiana: https://books.google.it/books?id=ksVVcgAACAAJ). Kafka con la sua letteratura ha anticipato pure l'ulteriore approfondimento emerso nella psicoanalisi di fine secolo scorso (https://books.google.it/books?id=1dUMAAAAIAAJ; https://books.google.it/books?id=5w3qAQAACAAJ) e i tentativi di convergenza tra sviluppi postfreudiani e nuova biblistica (https://books.google.it/books?id=FPBfAAAACAAJ).
Mauro Lanari --79.23.178.124 04:24, 30 ott 2016 (CET)