Discussione:Proverbi trentini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search


  • Chi fa 'd mangia vene adorato! Chi se fa j'affari suoi vene Odiato!.

Questo non l'ho mai sentito, e per come è scritto non mi sembra proprio trentino: "vene", "mangia", "'d", "se fa". Sarei per toglierlo, commenti? --DavideSetti (scrivimi) 10:55, 2 feb 2013 (CET)

Senza fonte[modifica]

  • A far piazeri ala zent ingrata l'è come sfregarghe el cul a na gata.
Fare un favore alla gente ingrata è come grattare il sedere ad una gatta.
  • A trincar senza mesura tant temp no se dura.
Bevendo senza misura non si vive molto.
  • Ale feune e ale scale no voltarghe mai le spale.
Non voltare mai le spalle alle scale ed alle donne.
  • Ama l'ert ma teite al pian.
Ama le cime di montagna, ma tieniti a bassa quota.
  • A 'n bom soldà ogni arma ghe fà.
Ad un buon soldato ogni arma va bene.
  • Angori de asen no ariva en ziel.
Le maledizioni non hanno vita lunga.
  • Ani de erba, ani de merda.
Anni di erba, anni di merda.
  • A San Silvestro tant 'a el puto de botega che 'l mastro.
A ciascuno il suo.
  • Cavei e travai non manca mai.
Capelli (da tagliare) e problemi (da risolvere) non mancano mai.
  • Chi gà spuzza snasa, chi febbrezza tasa.
Chi si lamenta si duole, chi si accontenta gode.
  • Chi laora pian, laora ancoi e laora doman.
Chi lavora lentamente, lavorerà oggi e domani.
  • Chi no fa no fala.
Chi non fa nulla non sbaglia.
  • Che serve tenderghe ala volp, quando l'è le galine che daverze el smarlos del polinar.
A cosa serve controllare la volpe quando sono le stesse galline ad aprire il lucchetto del pollaio.
  • Chi fa 'n pet pu' grant del cul crepa le braghe.
Chi la fa troppo grossa la paga.
  • Chi fa 'd mangia vene adorato! Chi se fa j'affari suoi vene Odiato!.
Chi fa da mangiare viene amato e stimato mentre chi si fa gli affari suoi e non aiuta viene odiato.
(Chi si occupa degli altri si preoccupa ecc.. viene amato e stimato mentre chi non contribuisce viene poco amato e meno coccolato).
  • Chi sparagna, la gata magna.
Chi risparmia, è previdente.
  • Da chi a zent'ani sen tuti gualivi.
Da qui a cent'anni siamo tutti uguali.
  • Dal pel se conòs l'asen.
Dal pelo si riconosce l'asino.
  • Davanti a na ingiustizia che se manifesta, no pol taser na persona onesta
Le persone oneste combattono le ingiustizie
  • Dighe oche ti ale anedre!!
Chiamale oche le anatre!!
  • Dona mia soto ai linzoi, pare e mare en do che te voi.
Donna mia sotto le lenzuola, padre e madre dove vuoi tu.
  • Dal bel te ghe roseghi zo poc.
Della bellezza si mangia poco.
  • El bon mercà straza la borsa.
Le buone occasioni svuotano il portafoglio.
  • El gal l'è l'oroloi del contadin.
Il gallo è la sveglia del contadino.
  • El miga l'è 'l pare del mas.
Il poco è padre del troppo.
  • En dos e na val i fa en gualìf.
Un dosso e una valle fanno un piano (cioè il troppo e il troppo poco si compensano)..
  • Entant che fragarghe la coa al cagn quand el ga la sghita.
A tirare troppo la coda del cane, si caca sotto (Fare beneficenza si ritorce sempre contro se stessi).
  • El se e l'ma l'è do coioni da Adamo 'n qua.
I se ed i ma non fanno la storia.
  • En casa strenzi, en viazo spendi, en malatia spandi..
In casa risparmia, in viaggio spendia, in malattia sperpera..
  • En pra maltaglià e dei cavei mal tosà en ot di el dadà.
Un prato mal tosato e dei capelli mal tagliati in una settimana sono come nuovi (sbagliando si impara).
  • Far e desfar l'è tut en laoràr.
Fare e disfare è tutto un lavorare.
  • Fidete dela vòlp e anca del tass, ma no fidarte de le dòne dal cul bass.
Puoi fidarti della volpe e del tasso, ma non delle donne dal culo basso.
  • Gropi, seradore e done, bisogna torli co le bone.
Nodi, serrature e donne, bisogna trattarli con le buone.
  • La casa col fogolar e la dòna che sapia filàr.
Un uomo necessita di una casa accogliente e una donna che sappia lavorare..
  • La lengua la deve star dentro i denti.
Chi parla troppo, sparla.
  • Mapòn, mapòn, ogni roba ha la stagiòn.
Ogni cosa ha suo tempo.
  • No manca 'l laoràr a chi g'ha voia de sfadigàr.
Chi ha voglia di faticare, non gli mancherà lavoro.
  • 'Na pisada senza en pet l'è come en violin senza l'archet.
Una pisciata senza un peto è come un violino senza l'archetto.
  • Prima de dir mal bisogn vardarse zo dal so grombiàl.
Prima di criticare gli altri, bisogna farsi un esame di coscienza.
  • Quando el sol el tramonta, l'asen el se 'nponta.
Quando il sole tramonta, l'asino si mette a lavorare.
(L'asino fa le cose all'ultimo momento)
  • Recia drita parola zita, recia zanca parola franca.
Quando fischiano le orecchie, qualcuno mormora di nascosto, a volte bene a volte male.
  • Se la Paganela la g'à el capel o che 'l fà brut o che 'l fà bel.
Se la Paganella ha un cappello di nuvole o fa brutto o fa bello (si dice di moltissime montagne, in base alla zona).
  • Se 'n zoven el ciapa qualche vizi enfin che 'l more seita quel'ofizi.
Se un giovane prende qualche vizio, se lo tiene finché muore.
  • Spiza al nas letra en viàc, spuzà al nas el tor travai.
Se prude il naso, qualche novità sta per arrivare, se si sente la puzza sotto al naso, saranno problemi.
  • Tegnir la pipa e molar 'l cucon.
Risparmiare in qualcosa per scialare in altre.
  • Travai ven a cari e va via a onze.
I problemi vengono facilmente, e se ne vanno lentamente.
  • Val de pu 'n gran pèver, che 'n sghit de àsen.
Meglio una persona piccola ma d'ingegno, che qualcuno grande e grosso ma incapace.
  • Vènder el sol par crompàr la lampa.
Tenere chiuse le imposte di giorno, significa spendere di più in bollette.
  • Val pu na bona cera, che 'n bon disnar.
Vale più la salute (una buona cera) che un buon pranzo.