Discussione:Rainer Maria Rilke

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Senza fonte[modifica]

  • Che cosa è mai la gloria se non la somma dei malintesi raccolti intorno a un grande nome?
  • Come potrei trattenerla in me, la mia anima, che la tua non sfiori; come levarla, oltre te, ad altre cose?
  • Così noi viviamo, per sempre prendendo congedo.
  • La nostra vita passa in trasformazioni.
  • Ma dimmi, chi sono quei randagi eterni, quei fuggitivi un poco più di noi, che assilla e torce – e non si sa perché –, sin dall'infanzia prima, un volere implacabile e tremendo?
  • Quando mai si pretenderebbe da un cigno una delle prove destinate al leone? In che modo un brano del destino di un pesce si inserirebbe nel mondo del pipistrello? Pertanto fin da bambino credo di aver pregato soltanto per la mia difficoltà, che mi fosse concessa la mia e non, per errore, quella del falegname, o del cocchiere, o del soldato, perché nella mia difficoltà voglio riconoscermi.
  • Se non opposi resistenza all'amata, fu perché tra tutte le forme con cui un uomo si impadronisce di un altro, la sua soltanto, irresistibile, mi parve avere una giustificazione.
  • Un buon matrimonio è quello in cui ciascuno dei due nomina l'altro custode della sua solitudine.
  • Va bene dire ad alta voce: "Non è successo niente". Ancora una volta: "Non è successo niente". Serve a qualcosa?