E. L. Doctorow

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
E.L. Doctorow nel 2014

Edgar Lawrence Doctorow (1931 – 2015), scrittore statunitense.

  • [Su Atlantic City] I grandi alberghi si ergevano al di là del lungomare, uno dopo l'altro, con le tende sventolanti alla brezza marina, le loro verande immacolate con le file di sedie a dondolo e le poltrone di vimini. Le bandiere nautiche sventolavano in cima alle cupole, e la notte si illuminavano con file di lampadine elettriche che ne delineavano la sagoma.[1]

Incipit de La città di Dio[modifica]

E così, secondo la teoria, l'universo si è espanso in modo esponenziale a partire da un punto, una singolarità spaziotemporale, un evento istantaneo, un fatto originario ben distinto o una sostanza quantistica in evoluzione, a tal punto che il termine «esplosione» risulta inadeguato, anche se la teoria è nota come il Big Bang.[2]

Note[modifica]

  1. Da Ragtime, Mondadori; citato in Gay Talese, C'era una volta Atlantic City, New York Times, tradotto da Monica Levy per la Repubblica, 22 settembre 1996, p. 14.
  2. Citato in Giacomo Papi, Federica Presutto, Riccardo Renzi, Antonio Stella, Incipit, Skira, 2018. ISBN 9788857238937

Altri progetti[modifica]