Easy Rider

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Easy Rider

Immagine ZweiRadMuseumNSU EasyRider.JPG.
Titolo originale

Easy Rider

Lingua originale inglese
Paese USA
Anno 1969
Genere drammatico
Regia Dennis Hopper
Soggetto Peter Fonda, Dennis Hopper, Terry Southern
Sceneggiatura Peter Fonda, Dennis Hopper, Terry Southern
Produttore Peter Fonda
Interpreti e personaggi

Easy Rider, film statunitense del 1969, regia di Dennis Hopper.

Dialoghi[modifica]

  • Billy: Così e così e... se ne andava per il cielo! E poi ha lampeggiato tre volte, e poi è zigzagato via... ecco! E questo l'ho visto.
    George Hanson: È un disco volante che ti faceva un segnale. Io con Bob Refolson, due settimane fa, giù nel Messico ne abbiamo visti quaranta volare intorno al cielo. Hanno... hanno basi sparse in tutto il mondo adesso, sapete? Vengono da noi fino dal 1946, da quando gli scienziati hanno iniziato a far rimbalzare i raggi del rada sulla Luna, e quelli da allora vivono e lavorano a migliaia in mezzo a noi. Il governo lo sa benissimo.
    Billy: Ma che cacchio stai dicendo?
    George Hanson: Tu ne hai appena visto uno, no?
    Billy: Ehi guarda, io ho visto un qualcosa, ma non ho visto nessuno lavorare, non so se mi spiego.
    George Hanson: Be', sono delle persone come noi, e vengono dal nostro sistema solare, solo che la loro società è più evoluta della nostra! Voglio dire che non hanno guerre, non hanno un sistema monetario e soprattutto non hanno capi, perchè ognuno di loro è un capo. Voglio dire, ognuno, grazie alla loro tecnologia, è in condizione di nutrirsi, vestirsi, avere una casa, e circolare come vuole senza differenza ne' sforzi.
    Wyatt: Wow!
    Billy: Ehi, sai una cosa? Io penso... ma lo sai cosa penso? Io penso che è un'idea da svitati! Eheh! Eeeh? Dimmi un po', che ne dici? Da svi-ta-ti, ecco che cos'è! Se sono tanto intelligenti, perchè non si rivelano subito a noi e... via insomma?
    George Hanson: Non si rivelano a noi perchè, se si rivelassero a noi, ci sarebbe subito un panico generale! Voglio dire, noi abbiamo ancora dei capi dai quali dipendiamo per la diffusione di queste notizie, e questi capi hanno deciso di impedire la diffusione di queste notizie per il tremendo shock che subirebbe il nostro sistema antiquato! Ora: il risultato di questa situazione è che i Venusiani hanno preso contatto con tutti gli strati sociali. Con tutti gli strati sociali! Sarebbe davvero un colpo mortale per i nostri sistemi antiquati, quindi adesso i venusiani si incontrano con gente di tutti gli strati sociali, in qualità di consulenti, si capisce. E una buona volta l'uomo avrà il controllo direi... divino del proprio destino. Potrà finalmente trascendere ed evolversi conquistando l'eguaglianza.
  • George Hanson: Una volta questo era proprio un gran bel paese, e non riesco a capire quello che gli è successo.
    Billy: È che tutti hanno paura ecco cos'è successo. Noi non possiamo neanche andare in uno di quegli alberghetti da due soldi, voglio dire proprio di quelli da due soldi capisci? Credono che si vada a scannarli o qualcosa, hanno paura.
    George Hanson: Si ma non hanno paura di voi, hanno paura di quello che voi rappresentate.
    Billy: Ma quando... Per loro noi siamo solo della gente che ha bisogno di tagliarsi i capelli.
    George Hanson: Ah no... Quello che voi rappresentate per loro, è la libertà.
    Billy: Che c'è di male nella libertà? La libertà è tutto.
    George Hanson: Ah sì, è vero: la libertà è tutto, d'accordo... Ma parlare di libertà ed essere liberi sono due cose diverse. Voglio dire che è difficile essere liberi quando ti comprano e ti vendono al mercato. E bada, non dire mai a nessuno che non è libero, perché allora quello si darà un gran da fare a uccidere, a massacrare, per dimostrarti che lo è. Ah, certo: ti parlano, e ti parlano, e ti riparlano di questa famosa libertà individuale; ma quando vedono un individuo veramente libero, allora hanno paura.
    Billy: Eh la paura però non li fa scappare!
    George Hanson: No, ma li rende pericolosi.

Altri progetti[modifica]