Edoardo Calandra

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Edoardo Calandra (1852 – 1911), scrittore italiano.

Incipit di Due spaventi[modifica]

Verso la fine d'aprile dell'anno 1836, il mio amico e fratello d'armi Paolo Gagliardi mi scrisse di venire a tenergli un po' di compagnia alla Vernea, presso Lombriasco, dove viveva ritiratamente, vigilando le faccende campestri di tre o quattro contadini.
Non essendo occupato, potevo partir subito; se non che era una stagionaccia incostante, bisbetica, ora primaverile, ora autunnale; in cui si passava dal vento piovoso al nevischio, da questo alla gragnuola.

Bibliografia[modifica]

  • Edoardo Calandra, Due spaventi, in "Storie di fantasmi", a cura di Gianni Pilo e Sebastiano Fusco, Newton & Compton, 1995.

Altri progetti[modifica]