Edoardo Nicolardi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Edoardo Nicolardi (1878 – 1954), poeta italiano.

Poesie[modifica]

Incipit[modifica]

'A Sveglia

Ma che rilorgio preciso!
Maie nu minuto nun sposta!
Ma ch'esattezza, Giesù,
quann'è ca dà chill'avviso
tunno e diciso:
«Cucuricùùùù!...»

E 'a dinto a tutt''e pullare
(ma sò centenare?
ma quante
ne so'?)
vene, pricisa 'a risposta:
'Na voce 'e basso-cantante
«cocoricòòòò...»
'Na voce fresca 'e tenore:
«chichirichìììì»
'Na voce fàuza accussì,
mezza no,
mezza sì...

Citazioni[modifica]

  • Viecchie viecchie
    [...] Te veco (p' 'a casa... pulita... nu specchio...)
    carélla cchiù 'e mo'.
    Te veco: tu, vecchia, vicino a 'stu viecchio
    ca bbene te vo'.
    Tu, toma, cu 'a lente, cusenno 'o mesale,
    stiranno 'o ggilè...
    E i' tomo, ca fumo... ca leggio 'o ggiurnale...
    ca piglio 'o ccafè...
    E 'o fummo d' 'a pippa, pe' ccaso,
    venesse a vutà 'nfaccia 'a tte...
    'Stu fummo è na scusa... Vulesse nu vaso...
    Che ddice? nu vaso m' 'o daie, vicchiarè?
    (p. 269)
  • Voce 'e notte
    Si 'sta voce te sceta 'int' 'a nuttata
    mentre t'astregne 'o sposo tuio vicino,
    statte scetata, si vuo' sta' scetata;
    ma fa vedé ca duorme a suonno chîno...

    Nun gghì vicino 'e llastre pe' ffa' 'a spia,
    pecchè nun può sbaglià: 'sta voce è 'a mia.
    È 'a stessa voce 'e quanto tutt' 'e dduie
    – scurnuse-ce parlàvemo c' 'o «vvuie». [...]
    (p. 312)
  • Quanno mor'io, chiagnìteme
    nu quarto d'ora e basta.
    Che m'atterrate all'ùnnice?
    Salute e bbene! 'e ddoie
    menàte 'a pasta.

Lettera critica a Salvatore Baratta[modifica]

Incipit[modifica]

Caro Baratta, pochi canzonieri sanno penetrare l'anima del popolo così bene come voi, poeta facile e spontaneo.
I vostri versi, lievi, senza astruserie, senza inceppi, rendono coloritamente il vostro pensiero e rispecchiano il vostro cuore, in maniera eccellente.
Ho canticchiato anch'io con vivo compiacimento sempre le vostre canzoni più note e diffuse, come quelle che meglio rispondono al nostro gusto e meglio esprimano il nostro sentimento.

Citazioni[modifica]

  • Sapete mantenere viva la tradizione della canzone napoletana, ahi quanto falsata dai mestieranti e da coloro che – per aridità o per avidità – la esibiscono tanto per basso commercialismo, in combutta con esecutori venali che non amano certamente la nostra terra e l'Arte nostrana che pure a tanti ha dato l'agiatezza ed a qualcuno la larga ricchezza!
  • Io sono di quelli – pochi o molti non so – che sinceramente hanno del vostro ingegno e della vostra opera, modesta, quanto tenace, silenziosa quanto fervida, il concetto che si deve onestamente avere da un poeta canzoniere sincero e spontaneo, composto e dignitoso, che sa rendere – senza storture e senza paradossi – l'anima del popolo; un poeta canzoniere, cioè, che non tralingua dalla tradizione e non si lacia pigliar la mano dal modernismo letterario vernacolo, che tanto ha nociuto e nuoce alla gloria della canzone napoletana.

[Edoardo Nicolardi, Lettera critica a Salvatore Baratta; citato in Salvatore Baratta, Core Signore, Editrice Ciccarelli, Napoli 1950]

Bibliografia[modifica]

  • Edoardo Nicolardi, Poesie, Alberto Morano Editore, Napoli 1928.

Altri progetti[modifica]