Salvatore Baratta

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Salvatore Baratta (... – ...), scrittore, poeta e paroliere italiano.

Citazioni di Salvatore Baratta[modifica]

  • Oje né', | si te vuó' sciogliere[1], | 'a strada è libera, | puó' cammenà. | Napule è chino 'e femmene | tutte pe' me, | ca vònno[2] a me, | pazze pe'mmé. (Napule è chino 'e femmene)[3]

Core Signore[modifica]

Incipit[modifica]

Non prefazione, né introduzione a questa mia raccolta di canzoni e poesie pubblicata non per darmi importanza di scrittore (non me la son mai data, contraiamente a certi autori moderni) ma semplicemente ed esclusivamente per lasciare in eredità (unico mio bene intellettuale) ai miei due amatissimi figli viventi : Gianni e Diva, affinché mi amino e mi tengano sempre presente dopo la mia scomparsa da questo mondo, ciò che il mio incessante pensiero per la forte passione alla bella canzone di Napoli ha prodotto (ben poco lo so) nelle ore di ozio e in vena poetica dal 1896 ad oggi.

Citazioni[modifica]

  • Il mio dire va a chi tocca, nulla curandomi se, dopo, si dirà male di me. (p. 10)
  • Io penso che oggi, forse, si vivrebbe sicuri e bene fra i cannibali!... (p. 19)
  • Ve voglio bene overo
    Button' 'e rosa, | appena schiuso, vule comme addurate! | E comme site fresca e graziosa! | Che musica se sente si parlate! (p. 39)
  • Voce 'e popolo
    Bella mia! | Bella mia, | vuò sape' c'aggio saputo? | m'hanno ditto... | m'hanno ditto... | ca si' ffemmena e si' bella! (p. 41)
  • Primmavera sana core!...
    Mariucce', | Mariucce' | primmavera è tturnata | 'Stu core è appiccicato | d'ammore pe' tte! | Era friddo e malato... | era quase appassuto | ma mo ll'ha sanato | 'stu sole, Marì!... (p. 47)
  • Core Signore
    Si' cumm' a tutt' 'e ffemmene... | e ppò... 'nmiez' 'e zuocchele... | ce pasce... e ce vttò sta!
Capisce si nu giovene | è nnato cu' 'a sciammeria... | cu' 'a scarpa 'e pella lucida... | cu' 'a penna... e 'o bben parlà? (p. 129)
  • Napule è chino 'e femmene!...
    Si' bella e cara, | ma si pazzoteca... | e viene a spennere, | dico i', justo addu me?
Nu mese 'ammore, | tre mise 'appicceche?! | Io nevrastenico | so' peggio 'e te!... (p. 136)
  • Grazie, Maistà!
    Maistà, io vi ringrazio tanto tanto! | E mille grazie a tutt' 'o reggimento! | Sia benedetta 'a Patria ora e mumento | ca me chiammaie suldato p' 'a servì!... ! A Napule facevo 'o cantatore, | mo so' sergente... e faccio l'istruttore!
Ah, 'sta divisa | che te sape cumbinà! | Pure 'a femmena cchiù bella | fa abbaglià!
Napule è chino 'e femmene | tutte pe' mme... | ca vonno a mme... | ca vonno a mme... | pazze pe' mme!... (p. 173)
  • "Chiacchierata cu' n'amico in New York"
    A zoza comme saglie!.. 'On Giuvannì, | che bella espressione avite ditto! | O munno overamente va accussì!.. | E chi marcia deritto campa afflitto!.. (p. 274)
  • Tuleto 'e 'na vota!..
    Pe' Tuleto, p' 'a strada cchiù bella | d' 'a cchiù bella città ca se trova, | n'ata vita llà 'n miezo vulesse campà!...
'N Paraviso 'stu sciore 'e bellezza | llà sultanto 'o putite truvà! (p. 291)

Citazioni su Salvatore Baratta[modifica]

  • Avvicinarsi all'anima del popolo – e soprattutta a quella di nostra gente – sembra agevole compito d'ogni "poeta improvvisato"... Ma voi – mio caro e gentile e modesto Baratta – vi studiate sempre d'esserne la «voce» fedele, con la semplicità, con la festevolezza, con il sentimento; e – senza pretese letterarie – con anima e... «core signore» non è poco merito. (Ernesto Murolo)
  • Caro Baratta, pochi canzonieri sanno penetrare l'anima del popolo così bene come voi, poeta facile e spontaneo.
    I vostri versi, lievi, senza astruserie, senza inceppi, rendono coloritamente il vostro pensiero e rispecchiano il vostro cuore, in maniera eccellente. (Edoardo Nicolardi)
  • Continuate, dunque, mio caro Baratta, continuate a essere fedele alla buona Musa ch'è venuta a cercarvi e a sorridervi nel vostro nascosto cantuccio di vita senza trarvene per indurvi a percorrere vie ardue e perigliose; e date ancora a Napoli canzoni, canzoni, canzoni. E che la Musica sia con voi!... Non quella, beninteso, del jazz-band, ma la Musica partenopea, se Dio vuole: Chitarre e mandolini. (Roberto Bracco)
  • Ho canticchiato anch'io con vivo compiacimento sempre le vostre canzoni più note e diffuse, come quelle che meglio rispondono al nostro gusto e meglio esprimano il nostro sentimento. (Edoardo Nicolardi)
  • L'anima napoletana è davvero ritratta tale qualè dalle vostre canzoni. (Roberto Bracco)
  • Mio caro Baratta,
    io ho letto i vostri canti napoletani per musica e mi è parso riudirne i più noti con un vero diletto dello spirito. (Ernesto Murolo)
  • Oh! quel "Core Signore" quanti cuori ha scossi e inebriati, per dirla col Giusti. (Pasquale Cinquegrana)
  • Qui, secondo me, sta tutto il merito e il valore della tua opera poetica. E ciò non è poca cosa e dev'essere anzi per te motivo di soddisfazione e incoraggiamento per tutto quello che farai in avvenire. (Pasquale Cinquegrana)
  • Sapete mantenere viva la tradizione della canzone napoletana, ahi quanto falsata dai mestieranti e da coloro che – per aridità o per avidità – la esibiscono tanto per basso commercialismo, in combutta con esecutori venali che non amano certamente la nostra terra e l'Arte nostrana che pure a tanti ha dato l'agiatezza ed a qualcuno la larga ricchezza! (Edoardo Nicolardi)
  • Voi siete riuscito a evitare i motivi più sfruttati e divenuti oramai convenzionali del pittoresco di Napoli; siete riuscito a evitare i motivi della solita malavita, che hanno avuto, senza dubbio, poeti mirabili, ma che ora è tempo di bandire per lo meno dal regno della canzone. (Roberto Bracco)

Note[modifica]

  1. Scioglierti, nel senso di lasciarmi.
  2. Vogliono.
  3. Versi musicati da Gaetano Lama.

Bibliografia[modifica]

  • Salvatore Baratta, Core Signore. Canzoni – Duetti – Scenette Drammatiche – Sonetti – Poesie, Editrice Ciccarelli, Napoli 1950.