Elizabeth Gaskell

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Ritratto di Elizabeth Gaskell di William John Thomson, 1832

Elizabeth Cleghorn Gaskell (1810 – 1865), scrittrice britannica.

Incipit di La storia della vecchia nutrice[modifica]

Come sapete, bambini miei, vostra madre era orfana e figlia unica. Avrete anche sentito dire che vostro nonno era un uomo di chiesa su nel Westmoreland, dove io sono nata. Io ero soltanto una ragazzina, e frequentavo la scuola del villaggio, quando un giorno vostra nonna venne a chiedere alla direttrice se c'era qualche alunna disposta a fare la bambinaia. Mi sentii molto orgogliosa, ve lo posso garantire, quando la direttrice fece il mio nome e mi descrisse come una ragazza forte, onesta e brava a cucire; disse che i miei genitori erano persone molto rispettabili, anche se erano poveri.

Incipit di Lizzie Leigh[modifica]

Quando la Morte fa la sua comparsa in una famiglia proprio il giorno di Natale, il contrasto tra ciò che è ora e ciò che è stato dà una maggiore intensità al dolore, un vuoto più totale alla desolazione.

Bibliografia[modifica]

  • Elizabeth Cleghorn Gaskell, La storia della vecchia nutrice, traduzione di Pietro Meneghelli, in "Storie di fantasmi", a cura di Gianni Pilo e Sebastiano Fusco, Newton & Compton, 1995.
  • Elizabeth Gaskell, Lizzie Leigh, traduzione e cura di Massimo Ferraris, Elliot Edizioni, 2019.

Altri progetti[modifica]