Ernesto Borghi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Ernesto Borghi (1964 – vivente), biblista italiano.

Il Discorso della montagna: Matteo 5 – 7[modifica]

Incipit[modifica]

I capitoli 5 – 7 del Vangelo secondo Matteo, comunemente denominati Discorso della montagna, costituiscono un punto di riferimento fondamentale per chiunque voglia parlare seriamente di cristianesimo. Pochissime altre sezioni bibliche, infatti, riescono a esprimere in modo altrettanto intenso e totalizzante quali siano i valori-guida della fede e della cultura cristiane.

Citazioni[modifica]

  • E che cosa è il Regno dei cieli? È il modo in cui Dio esercita la sua sovranità: l'amore realizzato nella giustizia in e da chiunque sia pronto a viverlo nella propria vita. (p. 15)
  • Chi è mite rinuncia alla violenza, ma ripone anche la massima fiducia nella costruttività di questa scelta etica. (p. 16)
  • Le beatitudini risultano la sinfonia delle condizioni etiche della felicità escatologica, in continuità dal passato al presente, secondo una progressività di realizzazione e una chiara apertura al futuro. (p. 22)
  • Come contrastare tutte le derive disumanizzanti della società economicistica e libertaristica contemporanea? Educando anzitutto le giovani generazioni, ma anche qualsiasi persona a considerare la logica della gratuità sovrabbondante e del perdono sincero come prassi normale nelle relazioni interpersonali e non come eroismo affettivo di pochi o come «masochismo» da psicolabili. (p. 88)

Bibliografia[modifica]