Ernesto D'Argenio

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Ernesto D'Argenio

Ernesto D'Argenio (1985 – vivente), attore italiano.

Citazioni di Ernesto D'Argenio[modifica]

  • È una serie [Rocco Schiavone] superficialmente scorretta, ma il cui sentimento di verità è più vicino a quello dello spettatore.[1]
  • Guardo al mio passato, e poi al mio futuro con una bella sensazione dentro. Di premio, di avere fatto bene a osare. Vengo dal nulla, senza raccomandazioni.[2]
  • Qui non va come in America, che puoi essere un professionista a tutto tondo: qui puoi o far ridere o far piangere, interpretare un siciliano se sei di Palermo, un campano se sei di Napoli. Questo limita parecchio l'orizzonte. Perché fare l'attore significa di fatto essere vuoti. Con la propria unicità, la propria visione. Ma è la scrittura che deve comandare, non il registro, non la regione.[2]
  • Sicuramente stare a contatto per tre anni della mia vita con un attore istrionico [Marco Giallini], istintivo e apprezzato come lui mi ha plasmato. È stato un processo avvenuto quasi per osmosi. E ho scoperto che, con le dovute differenze (a partire dall'età) siamo più simili di quanto appaia all'esterno.[1]
  • Sono anacronistico: ho una bici Bianchi del 1955 col cestino e una Fiat 124 bianca con gli interni rossi. Mi piace perché in chiunque può evocare un ricordo: il nonno, quei sedili, un bacio. Il mio sogno è partire su una Vespa, lo zaino da campeggio, i portapacchi carichi, quel batticuore da Lancillotto e, davanti, la strada: dormire sugli scogli, pescare. Spingermi con poco addosso oltre ogni confine.[2]

Note[modifica]

  1. a b Dall'intervista di Valentina Ravizza, Rocco Schiavone 3, ultima puntata. Intervista a Ernesto D'Argenio alias Italo Pierron, StyleCorriere.it, 23 ottobre 2019.
  2. a b c Dall'intervista di Lavinia Farnese, Ernesto D'Argenio: «Via dalla periferia», VanityFair.it, 14 gennaio 2017.

Filmografia[modifica]

Serie televisive[modifica]

Altri progetti[modifica]