Ernst von Salomon

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Ernst von Salomon (1902 – 1972), scrittore tedesco.

Citazioni di Ernst von Salomon[modifica]

  • [Nel 1937 lo scrittore incontra Jünger a Berlino davanti a un cinema da cui uscivano frotte di spettatori] Cercai di trarlo in disparte fuori dalla folla, osservando: "Orribile questa massa di popolo, questo è proprio come al congresso del partito.[1]" Egli rispose: "Oh, non mi disprezzi il demos, esso è pur già una potenza, per quanto non molto appetibile". Chiestogli cosa facesse, disse: "Mi sono cercato una specola più elevata, dalla quale osservo come le cimici si divorino tra loro". Osservai, alquanto irritato, che egli si era sempre ritirato volentieri su un'altra stella, al che egli replicò: "Sì, su una stella un po' più decente, diciamo Marte o Venere, non mai Saturno, il quale ha strisce di nebbia e inoltre lì c'è già Spengler."[2]

Note[modifica]

  1. Negli stessi giorni si teneva a Norimberga la più imponente adunata di massa in occasione del Congresso del Partito nazionalsocialista.
  2. Da Der Fragebogen (Il questionario), Rowohlt, Berlino, 1951; traduzione italiana Io resto prussiano, Longanesi, Milano, 1954 (ristampato presso Facchini editore, Ravenna), pp. 228-229; citato in I proscritti, a cura di Marco Revelli, traduzione di Maria Napolitano Martone, Baldini&Castoldi, Milano, 1994, p. 438. ISBN 88-859-8954-3

Altri progetti[modifica]