Ervin László

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Laszlo Ervin.jpg

Ervin László (1932 – vivente), filosofo e pianista ungherese.

La scienza e il piano akashico[modifica]

Incipit[modifica]

Nonostante ciò che molti pensano, la scienza non è soltanto un insieme di osservazioni, misurazioni e formule matematiche: è anche un mezzo per conoscere le cose del mondo in maniera approfondita. I grandi scienziati s'interessano non soltanto dei come del mondo, del modo in cui funzionano le cose, ma anche di cosa sono le cose del mondo, e del perché sono così come le vediamo.

Citazioni[modifica]

  • Il fenomeno che i cosmologi chiamano "sintonizzazione fine delle costanti universali" è particolarmente rilevante. Gli oltre trenta parametri fisici dell'universo sono regolati così precisamente che insieme creano le condizioni altamente improbabili in cui la vita possa emergere sulla Terra (e presumibilmente anche su altri pianeti) ed evolvere progressivamente fino a livelli più elevati di complessità. (p. 32)
  • La coerenza del nostro universo ci dice che tutte le sue stelle e galassie sono in qualche modo collegate. E la sorprendente sintonizzazione fine delle sue costanti fisiche suggerisce che alla sua nascita il vuoto in cui emerse il nostro universo non era strutturato in modo casuale. È probabile che un universo precedente abbia informato la nascita del nostro universo, più o meno come il codice genetico dei nostri genitori ha informato il concepimento e la crescita dell'embrione che poi è cresciuto fino a diventare ciò che siamo oggi. (p. 33)
  • Non è necessario spiegare come la materia inconscia generi la coscienza immateriale, poiché la materia non è interamente inconscia, e nemmeno la coscienza è totalmente separata dalla materia. (p. 94)
  • Secondo i calcoli di Roger Penrose, la probabilità che il nostro universo si sia originato per selezione casuale fra possibilità di universi alternativi è una su 1010123. Si tratta di un numero inconcepibilmente grande, che indica un'improbabilità di dimensioni astronomiche. In effetti, Penrose stesso parla della nascita del nostro universo come di una "singolarità" in cui le leggi della fisica non reggono. (p. 127)

Bibliografia[modifica]

  • Ervin Laszlo La scienza e il piano akashico, traduzione di Marco Massignan, Feltrinelli, Milano, 2020. ISBN 978-88-07-89382-7

Altri progetti[modifica]