Evgenij Rejn

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
La firma di Evgenij Rejn

Evgenij Rejn (1935 – vivente), poeta russo.

Quattro poeti russi per l'Italia[modifica]

  • Il secolo era a una svolta, come un'ammiraglia nell'oceano, | ma sul ponte il marinaio non alzava ancora le bandiere, sulle due città, nella laguna e nel bicchiere, | il livello saliva a lenti sorsi. (da Nel Giardino d'Estate...)
  • Lasciatevi guardare, voi che accanto mi passate, | di faccia e di profilo, e di tutto il visibile, | nella luce che si spegne prima della vera notte, | lasciatevi guardare da vicino, coi miei occhi. | Voi girate con la giostra del Tempo, | dall'ombra uscite nella festa del mattino, | avanzando assieme all'acqua del canale | verso la barriera con cui m'incorniciò | la storia, moltiplicata per la pietra. | Punto e basta. E dico: Amen! (da Canal Grande)
  • Ricordi il lago Ščuče? | Tra i pini riecheggiava una triplice assonanza. | Io e te [Josif Aleksandrovič Brodskij] andavamo a piedi alla budka acmatoviana. (da Una scatola di fiammiferi)
  • Vieni al Florian sull'imbrunire. | Dalla laguna, senti?, il vento infuria. | Ma tra le raffiche l'orchestra suona Chopin, | Ora potremo parlare d'ogni cosa francamente. [...] | Tu [Josif Aleksandrovič Brodskij] - dalla tomba vicina, io – dalle lontane seccature, ... (da Una scatola di fiammiferi)

[Quattro poeti russi per l'Italia, a cura di Mirella Meringolo, Poesia, n. 193 aprile 2005, Crocetti Editore]

Citazioni su Evgenij Rejn[modifica]

  • A mio parere, Rejn è il più significativo poeta della nostra generazione, di quella a cui io stesso appartengo. (Josif Aleksandrovič Brodskij)
  • Rejn appartiene alla cerchia di giovani autori raccoltisi intorno alla poetessa pietroburghese Anna Achmatova nei primi anni Sessanta – gli ultimi della vita di lei. (Mirella Meringolo)

Altri progetti[modifica]