Fascio littorio

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Fascio littorio

Citazioni sul fascio littorio.

  • Già in una lettera scritta a Raymond Queneau a Roma, nel 1934, subito dopo aver visitato la mostra sulla rivoluzione fascista, Bataille confessava il fascino esercitato su di lui da quell'esibizione di simboli mortuari, di drappi neri, di teschi, osservando che si trattava nonostante tutto di qualcosa di serio, che non doveva rimanere dominio esclusivo della propaganda fascista. In una conferenza su «Le pouvoir», tenuta al Collège da Bataille il 19 febbraio 1938, in sostituzione di Caillois ammalato, la fascinazione esercitata dalla simbologia fascista si traduceva addirittura nella contrapposizione tra il fascio effigiato in Italia «sur le ventre de toutes les locomotives» e il crocifisso collegato frazerianamente a una «représentation obsessionnelle de la mise à mort du roi». La scure littoria, commentava Bataille, in quanto strumento delle esecuzioni capitali, «est opposé ostensiblement à l'immage du roi supplicié». (Carlo Ginzburg)
  • La sua insegna [del fascismo] perciò è il fascio littorio, simbolo dell'unità, della forza e della giustizia. (La dottrina del fascismo)
  • Nel segno del littorio abbiamo vinto, nel segno del littorio vinceremo. (slogan fascista)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]