Federico Salvatore

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Federico Salvatore (1959 – vivente), cantautore e cabarettista italiano.

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

Fare il napoletano... stanca![modifica]

Etichetta: Arancia Records, 2009.

  • Ma non posso più accettare l'etichetta provinciale | e una Napoli che ruba in ogni telegiornale, | una Napoli che puzza di ragù di malavita, | di spaghetti, cocaina e di pizza margherita, | di una Napoli abusiva paradiso artificiale | con il sogno ricorrente di fuggire e di emigrare. (da Se io fossi San Gennaro, n. 13)
  • Io non posso sopportare che un signore nato a Foggia | porta Napoli nel mondo e la stampa lo incoraggia. (da Se io fossi San Gennaro, n. 13) [riferito a Renzo Arbore]
  • Perché ancora io ci credo e mi incazzo ve lo giuro | che Posillipo e Toledo li divide un vecchio muro | come quello di Berlino che ci spacca in due metà: | uno è figlio 'e bucchino l'altro è figlio 'e papà. (da Se io fossi San Gennaro, n. 13)
  • Io ho capito che la vita è solo un viaggio di ritorno | che domani è già finito e che ieri è un nuovo giorno. | Sembra un gioco di parole ma mi sento più sicuro | coi progetti dal passato e i ricordi del futuro. (da Se io fossi San Gennaro, n. 13)

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]