Ferdinando Innocenti

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Innocenti 1100 C Coupé (1967-1969)

Ferdinando Innocenti (1891 – 1966), imprenditore italiano e fondatore della casa automobilistica Innocenti.

Citazioni[modifica]

  • Io sono convinto che il titolare di un'industria, il «padrone» per usare un termine odioso è un padre, deve essere un padre per tutti i suoi dipendenti.[1]
  • L'operaio deve considerare il «padrone» un padre, e perciò deve avere stima e fiducia. Un padre non licenzierebbe il proprio figlio perché ha sbagliato. Semmai lo rimprovera. Ma buttarlo a mare non può.[1]
  • Non amo i fallimenti. Di nessun genere. Licenziare un dipendente significa che la Innocenti ha sbagliato due volte: prima scegliendolo, poi non sapendolo educare. Ritengo ciò inammissibile. Non esistono elementi irrecuperabili alla Innocenti.[1]
  • [Alla domanda di Alfredo Pigna:L'attrice che preferisce?] Sofia Loren. Perché si vede che è intelligente e piena di buona volontà. Ha talento.[1]
  • Uno dei grandi atouts, nel nostro campo, è la tempestività. Se uno perde tempo, con i consigli di amministrazione o altro, può perdere l'autobus e gli altri arrivano prima. E, se chi decide è in gamba, le cose vanno bene.[1]

Note[modifica]

  1. a b c d e Citato in Alfredo Pigna, Miliardari in borghese, U. Mursia & C., Milano 1967.

Altri progetti[modifica]