Filastrocche caggianesi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Uno scorcio di Caggiano.

Raccolta di filastrocche caggianesi.

  • Arraùglia, arraùglia, | a zi Càio l carèss la cùglia! (p. 29)
Baldoria, baldoria, a zio Caio spunti una bella ernia!
Invettiva carnevalesca.
  • Cap r'ann e càp r mìs, | ràmm la strèna ca mm'è prummìs. (p. 37)
Capodanno e capo di mese | dammi la strenna che mi hai promesso.
Il primo di gennaio i bambini ripetevano queste parole, andando in giro con un sacchetto di stoffa cucita al collo per raccogliere i soldi donati da parenti e amici di famiglia.
  • Carònz e Carònz, | mìtt la càp ìnda lu tònz, | Carùs e Carùs | mitt la càp inda lu prtùs, | ca vèn lu scuarafòn | e t ròsca lu mlòn. (p. 38)
Caronzo e Caronzo, | metti la testa nella pozzanghera, | Caruso e Caruso | metti la testa dentro il buco, | che viene lo scarafone | e ti rosicchia il melone.
Breve cantilena che si ripeteva ai bambini che mostravano i capelli rasati a zero.
  • Scarafò, | scarafcchiò, | tìra lu pèr àttò. (p. 188)
Scarafò, | scaraficchiò, | tira il pide gattò.
Inizio di un gioco-filastrocca con tanti bambini seduti l'uno accanto all'altro e uno che passa loro davanti scandendo le parole e cantando.
  • Sèca sèca, mast Cìcc, | na panèdda e nu savuzìcch'; | lu savuzìcch' s lu mangià | e la panèdda s la stupà. (p. 190)
Sega sega, mastro Ciccio, | una panella e una salsiccia, | la salsiccia se la mangiò | e la panella se la conservò.
Breve filastrocca di un mastro falegname che al pane preferiva il companatico.

Bibliografia[modifica]

  • Raffaele Vecchio, Parlàm lu ndialètt! Parliamo in dialetto!, Edizioni Cantelmi, Salerno, 1997.