Francesca Bertuzzi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Francesca Bertuzzi

Francesca Bertuzzi (1981 – vivente), scrittrice e sceneggiatrice italiana.

Incipit di alcune opere[modifica]

Il carnefice[modifica]

Ore 01:15, la sala era ormai riordinata, avevo sistemato le sedie sui tavoli e passato lo straccio sul pavimento lercio, per rinfrescare un po' l'ambiente. Drug Machine si era già avviato verso casa da un buon quarto d'ora, lasciando la saracinesca del bar mezza abbassata. Mi ero cambiata, ma avevo assolutamente bisogno di una doccia e del divano. Prima di uscire, gettai uno sguardo al locale. Senza clienti e sotto l'unica luce dei lampioni, non era poi così squallido. Mentre formulavo questo pensiero mi arrivò una folata di puzzo di piscio, fumo e birra. Allora uscii e finii di chiudere la serranda.

La paura[modifica]

«Ehi Giud, non ci pensi proprio ad andarci piano, vero?»
«È lei che ha cominciato».
Mi girai per darle un'occhiataccia. Era tutta la sera che continuava a ordinare lo stesso rum a un ritmo da alcoliadi, e io, non so perché, avevo deciso che mi avesse sfidata a chi delle due reggesse meglio l'alcol. Ci avevo dato sotto a mia volta con la grappa più scadente a disposizione, visto che anche quella, per me, era un lusso.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]