Francesco Galeota

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Al 2014, le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD

Francesco Galeota (? – 1497), poeta italiano.

Canzoniere[modifica]

  • O fortuna, volta volta | volta bene quanto vuoi | con li falsi inganni tuoi, | poi che la vita m'hai tolta! | Poi che tu m'hai messo a terra | con tuo falso mutamento, | non mi curo di tua guerra | né di pace mi contento. | Se tu volti ad ogni vento, | fa' mi lo peggio che puoi, | con li falsi inganni tuoi, | poi che la vita m'hai tolta, ... (citato in Flamini, 1919)
  • Dissemi d'una stella che parea | al monte di Medea la incantatrice, | e che risponde e dice a chi per arte | arriva in quella parte navigando... (citato in Flamini, 1919)
  • In mare è la mia vita arrisicata, | d'inverno, in mezzo al Faro di Messina: | al vento, a la fortuna abbandonata, | di notte con le negre onde cammina. | Un remo ed una vela ha conservata | la stanca mia barchetta peregrina, | e così sola va per disperata, | ché Amore lo comanda e 'l Ciel destina. (citato in Flamini, 1919)
  • Napule bella, desiata tanto | dal core e da la mia penosa vita, | Napuli bella, ch'io lassai da canto, | Napuli bella, e come t'ho fuggita? | Napuli bella, gli occhi miei di pianto | son pieni per la misera partita! (da Napuli bella, desiata tanto)

Bibliografia[modifica]