Franco Scaglia

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Franco Scaglia(1944 – 2015), scrittore e giornalista italiano.

Incipit di alcune opere[modifica]

Il custode dell'acqua[modifica]

LO SCHIAFFO
Al Custode di Terra Santa,
Custodia di Terra Santa,
Convento si San Salvatore, Gerusalemme.

Da padre Matteo,
Studium Biblicum Franciscanum,
Convento della Flagellazione,
Via Dolorosa, II Stazione, Gerusalemme.


Reverendo Padre,
mi permetto di scriverLe perché ciò che Le hanno riferito, riguardo allo schiaffo con il quale ho benedetto un Cugino del Muro al ponte Allenby non è del tutto esatto. Come il Reverendo Padre sa bene, un'azione spesso gode di più significati. È l'angolo di visuale a porgerle il senso e a determinarla.
Chiedo dunque al Reverendo Padre, nostra massima autorità, guida e Custode di noi francescani di Terra Santa, che nel formulare il Suo giudizio valuti il pensiero ispiratore del mio atto e rammenti ciò che lui stesso con sapienza mi ha spiegato una volta, come nella vita esistano occasioni nelle quali il caso si identifica con la provvidenza.

Luce degli occhi miei[modifica]

Quella mattina fu il silenzio a svegliare Maria. Di solito ad aprirle gli occhi intorno alle sette e un quarto del mattino, era un rumore. Una voce anche se attutita dal vetro della finestra e dalle persiane di abete, che poteva provenire dalla piazza sulla quale dava la sua camera o da un appartamento vicino, o da una porta che sbatteva, o dal tranvai il cui capolinea si trovava a pochi metri dal portone, in piazza Castello. Lei era convinta, e questo la rassicurava, che fossero i rumori stessi a decidere in rapido concilio quale di loro dovesse assumersi l'onere di annunciare che la giornata aveva inizio.

Bibliografia[modifica]

  • Franco Scaglia, Il custode dell'acqua, Edizioni Piemme, 2002.
  • Franco Scaglia, Luce degli occhi miei, Piemme, 2010. ISBN 9788838476563

Altri progetti[modifica]