Franco Simongini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Franco Simongini (1932 – 1994), scrittore, giornalista, regista e critico d'arte italiano.

Il cialtrone[modifica]

Incipit[modifica]

Perché si accendesse così in fretta, quell'ultima volta di quell'ultima mia trasmissione, la luce rossa sul tettuccio delle telecamere, proprio non sapevo spiegarmi: sembrava una rivoltella puntata su di me, prima alla «uno», poi alla «due» e poi alla «tre» e di nuovo alla «uno», alla «tre», alla «due», con una velocità eccessiva, come se il regista si divertisse a farmi girare la testa, a sinistra, a destra, poi al centro, in una girandola infernale.

Citazioni[modifica]

  • Mia moglie non era una donna istruita nel termine accademico propriamente inteso: non aveva una laurea, e non era nemmeno diplomata, aveva frequentato fino alla quarta magistrale perché il padre, austero oriundo garibaldino siciliano, era convinto che le donne non dovessero studiare, ma dovessero, e giustamente, imparare a cucinare e a governar la casa. (p. 43)

Bibliografia[modifica]

  • Franco Simongini, Il cialtrone, Edizioni dell'Albero, Torino, 1965.

Altri progetti[modifica]