Gahan Wilson

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Gahan Wilson

Gahan Wilson (1930 — vivente), scrittore statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

Bagnato come il mare[modifica]

Sentivo che la nostra presenza contrastava spiacevolmente con la serenità del luogo. Né una nuvola né un uccello segnavano l'azzurro terso del cielo, e l'ampia striscia di sabbia, a parte noi, era deserta.
Il mare, scintillante nella brezza fresca del primo sole, appariva limpido e invitante. Avrei voluto entrare nell'acqua e lavarmi, ma temevo di contaminarla.

Il festino della strega[modifica]

La sua casa non esiste più, ora. Qualcuno l'ha demolita, ha sradicato gli alberi con un bulldozer e ha spianato il terreno, costruendovi sopra, con cemento di cattiva qualità e mattoni a buon mercato, una brutta casa d'appartamenti. Ci ho fatto una scappata in auto qualche sera fa (è la prima volta dopo anni che rimetto piede nella mia cittadina, per tenere una conferenza all'università) e ho visto la luce azzurrognola dei televisori baluginare nelle stanze di soggiorno.

Bibliografia[modifica]

  • Gahan Wilson, Bagnato come il mare, traduzione di Silvia Lalìa, in "Inverno Horror 1992. Vampiri", a cura di Ellen Datlow, Mondadori, 1992.
  • Gahan Wilson, Il festino della strega, in "La notte di Halloween", traduzione di Paola Campioli, Editori Riuniti, 1984.

Altri progetti[modifica]