Genocidio degli yazidi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Profughi yazidi in Siria

Citazioni sul genocidio degli yazidi.

  • Siamo davanti a un dramma che è genocidio [degli yazidi in Iraq], perché quando si arriva a prendere tutti gli uomini e ucciderli, quando si arriva a rubare le donne, portarle via, violarle nella loro dignità più profonda di essere umano, e poi venderle, allora si vuole distruggere questo popolo sapendo che in questo modo per loro non ci sarà più un futuro. Che nome diamo a questa realtà tragica? Ho incontrato tante di queste persone, e io le guardavo negli occhi e non avevo parole. È uno strazio. (Fernando Filoni)

Nadia Murad[modifica]

  • Quando ero una ragazzina, il mio sogno era finire la scuola superiore. Sognavo di avere un salone di bellezza nel nostro villaggio e di vivere vicino alla mia famiglia nel Sinjar. Ma questo sogno è diventato un incubo. Sono successe cose che nessuno poteva immaginare. C'è stato un genocidio. Di conseguenza, ho perso mia madre, sei dei miei fratelli e i figli dei miei fratelli. Ogni famiglia yazida ha storie simili, una più orribile dell'altra, a causa di questo genocidio.
  • I membri di tutte le famiglie yazide sono stati separati gli uni dagli altri. Il tessuto sociale di una comunità pacifica è stato strappato, un'intera società che credeva nella pace e nella tolleranza è diventata carburante per una guerra inutile. Nella nostra storia, siamo stati vittime di molte campagne di genocidio a causa del nostro credo e della nostra religione. Come risultato di questi genocidi, ci sono pochi yazidi rimasti in Turchia. In Siria, dove c'erano circa 80 mila yazidi, oggi ce ne sono appena 5.000. In Iraq, gli yazidi rischiano di fare la stessa fine, e il loro numero si sta riducendo in maniera impressionante. L'obiettivo dell'Isis di distruggere questa religione sarà raggiunto a meno che non si dia agli yazidi la protezione necessaria.
  • Le nostre case, le nostre famiglie, le nostre tradizioni, il nostro popolo, i nostri sogni, tutto è stato distrutto. Dopo il genocidio, abbiamo ricevuto solidarietà internazionale e locale, e molti paesi hanno riconosciuto questo genocidio, ma il genocidio non si è fermato. La minaccia di distruzione esiste ancora.
  • Se la comunità internazionale è seria nel voler dare assistenza alle vittime di questo genocidio, e se vogliamo che gli yazidi lascino i campi da sfollati e tornino alle loro terre, e se vogliamo restituire loro la fiducia, la comunità internazionale dovrebbe garantire loro la protezione internazionale sotto la supervisione delle Nazioni Unite.
  • Non ci dovrebbe essere posto per il terrorismo e per idee estremiste nell'Iraq del dopo Isis. Dobbiamo unire le forze nel costruire il nostro paese.
  • Hanno commesso questo genocidio per la sola ragione che noi yazidi abbiamo credenze e rituali diversi e siamo contrari a ucciderci gli uni con gli altri o a tenere prigioniere le persone, o a ridurle in schiavitù.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]