Gerarchi si muore

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Gerarchi si muore

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Paese Italia
Anno 1961
Genere commedia
Regia Giorgio Simonelli
Soggetto Marcello Ciorciolini, Mario Guerra, Vittorio Vighi
Sceneggiatura Marcello Ciorciolini, Mario Guerra, Vittorio Vighi
Interpreti e personaggi

Gerarchi si muore, film italiano del 1961 con Aldo Fabrizi e Raimondo Vianello, regia di Giorgio Simonelli.

Incipit[modifica]

[In una cantina di un rudere di castello]
Salute! Buonasera! La drammatica storia alla quale state per assistere ha un solo, vero protagonista: quello! Sì, il castello! Ma non così, il castello restituito al suo primitivo splendore. Ho detto restituito al suo primitivo splendore! [Cambio immagine con un castello intatto] Oh! (Fantasma)

Frasi[modifica]

  • Quando uno non fa bene, è come se facesse male. (Frioppi)

Dialoghi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Merletti [controllando una sfilata di intimo per donna prodotto dalla sua azienda]: Questo non mi piace! Via! Oh, questo è di cattivo gusto, è macabro!
    Roberto: Ma è ispirato a un modello francese.
    Merletti: Sì, anche la ghigliottina è francese, ed è macabra!
  • Frioppi: Italia! Italia! Le pillole.
    Italia: Eccole!
    Frioppi: Fai presto, perpiacere.
    Italia: Ecco qui commendatore; vado a prendere l'acqua.
    Frioppi: Aspetto, sì.. Se aspetto di prendere l'acqua. La mando giù a secco.. se non mi strozzo. Ah, il cuore, perde i colpi.
    Italia: Ma non dica così commendatore.
    Frioppi: Ho paura pure a tossire. Sai, ho la sensazione che fa "ta-ta-ta-ta", e poi si ferma, capisci?
  • Capo: Finalmente vi siete decisi! Che aspettavate a mettervi in contatto con me?
    Sicilia e Cariddi: È...
    Capo: Silenzio! Pezzi di cretini! A chi è venuto in mente di stampare biglietti da undicimila lire?
    Sicilia e Cariddi: A noi!
    Capo: Imbecilli! E perché da undicimila?
    Sicilia: Perché tra carta, inchiostro e stampa ci costa a noi diecimila e due.
    Cariddi: Abbiamo diritto anche noi di guadagnare ottocento lire?!

Altri progetti[modifica]