Giammaria Ortes

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni Maria Ortes (1713 – 1790), filosofo, matematico, economista e monaco camaldolese italiano.

Citazioni su Giammaria Ortes[modifica]

  • Ingegno originale, ispido nella forma, talvolta paradossale, isolato, non però totalmente come egli si vorrebbe far credere, dal movimento generale degli studii economici dell'epoca, è il prete veneziano Giammaria Ortes (1713–1790), il più illustre tra gli economisti veneti del secolo scorso, del quale si sono già accennate le idee corrette in fatto di popolazione. (Luigi Cossa)
  • Per lo più piacevagli rinchiudersi in sé stesso e ad un amico, ch'era a Potsdam, scriveva non invidiargli il piacere di essere col re, ma vivere con pochi amici ed avere del quacchero. Anzi, quando fu a Berlino, non si curò nemmeno di vedere il gran Federico[1] e a Roma, per vedere il papa, aspettò la settimana santa; ma non volle essere presentato né a lui né ai suoi ministri. (Fedele Lampertico)
  • Persuaso profondamente delle sue opinioni disprezza il plauso e gli onori; de' suoi libri non imprime che pochi esemplari, e si stizza se i giornali ne fanno parola, ma vuole che si dieno con riguardo all'intelligenza e allo studio più che alle qualità e ai titoli, preferendo le biblioteche a quelli che gettano i libri; memore forse di ciò che narra egli stesso, che al P. Grandi[2] alcuno, ricevutone in dono il libro matematico delle parabole e iperboli, gliene aveva poi discorso come d'un libro di retorica. (Fedele Lampertico)

Note[modifica]

  1. Federico II di Prussia (1712–1786), detto Federico il Grande.
  2. Il monaco camaldolese Luigi Guido Grandi (1671–1742), matematico e filosofo italiano.

Altri progetti[modifica]