Gian Franco Venè

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Gian Franco Venè (1935 – 1992), giornalista e saggista italiano.

Citazioni di Gian Franco Venè[modifica]

  • All'origine del segno artistico di tanti manifesti – anche là dove appare soltanto come ambizione – c'è una sorta di mecenatismo industriale senza di cui la storia del manifesto sarebbe indubbiamente diversa. [...] Come i mecenati tradizionali assoldavano gli artisti sommi commissionando loro ritratti o episodi famigliari, o ville o cappelle (o episodi religiosi se si trattava di cardinali e di papi) e lo facevano per dimostrare la loro potenza e ricchezza, così le case produttrici giunte al vertice del successo economico si rivolsero agli illustratori per impressionare la clientela con qualcosa di più «nobile» e meno transitorio della comune réclame.[1]
  • Il manifesto, quindi, è un di più rispetto all'informazione; ovvero: se l'informazione è indispensabile a lanciare un prodotto o una iniziativa, il manifesto, nella sua versione moderna, no. Questo suo carattere superfluo è, paradossalmente, la premessa del suo successo e della sua importanza. Gli Anni Venti e Trenta dimostrano tutto ciò in maniera eloquentissima: la pubblicità corrente di quell'epoca, quella che appariva sui giornali, era praticamente tutta scritta.[2]
  • Il più celebre tra gli illustratori italiani di cartelloni fu senz'altro Gigi Boccasile, il primo, tra l'altro, a introdurre nella pubblicità degli Anni Trenta una figura femminile estremamente procace e provocante, assai più discinta di quanto avrebbe concesso la fotografia. Ebbene: fu proprio Boccasile, con lo stesso inconfondibile tratto, a disegnare più tardi i più famosi manifesti di propaganda politica e bellica della Repubblica Fascista di Salò. A guerra finita, scampato alla giustizia partigiana, Boccasile ottenne un contratto per illustrare la propaganda del Prestito per la Ricostruzione nazionale, quindi tornò alla ribalta commerciale. Tutto ciò restando tenacemente fedele al suo personalissimo tratto pittorico.[3]

Note[modifica]

  1. Da Il manifesto, simbolo di prestigio, in I muri raccontano. 100 anni di manifesti stampati dalla Pozzo Gros Monti, a cura di Elvio Soleri, Edizioni d'Arte Fratelli Pozzo, Torino, 1991, p. 28.
  2. Da Il manifesto, simbolo di prestigio, in I muri raccontano. 100 anni di manifesti stampati dalla Pozzo Gros Monti p. 27.
  3. Da Il manifesto, simbolo di prestigio, in I muri raccontano. 100 anni di manifesti stampati dalla Pozzo Gros Monti p. 28.

Altri progetti[modifica]