Gian Luigi Vaccarino

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Gian Luigi Vaccarino (-), economista e docente universitario italiano.

Introduzione a "Dalla scienza all'utopia"[modifica]

Incipit[modifica]

L'opera di Napoleoni suscita tuttora, credo, reazioni contrastanti. Nel giudizio sui suoi scritti prevale probabilmente un'opinione che traccia una netta distinzione tra due periodi. Il primo periodo – dalla seconda metà degli anni cinquanta fino alla fine degli anni sessanta – è quello che raccoglie i maggiori riconoscimenti, poiché ciò che Napoleoni scrive in quegli anni risponde pienamente ai canoni correnti della disciplina. A questa fase appartengono lavori come il Dizionario di economia politica (1956), un'opera rimasta per molti anni ineguagliata, e sulla quale si è formata tutta una generazione di economisti, realizzata quand'egli era ancora giovanissimo e completamente estraneo all'ambiente accademico.

Citazioni[modifica]

  • La riflessione di Napoleoni si è sempre svolta, oltre che su quello economico, anche sul piano filosofico, mettendo a confronto tra loro gli estremi della scienza e dell'utopia. (p. VIII)
  • L'idea di critica che Napoleoni difende, con la sua enfasi sull'importanza determinante degli aspetti non economici, è un salutare antidoto nei confronti della tendenza a far carico della scienza economica di compiti impropri. (IX)
  • Lo sfruttamento è l'alienazione: è questo l'asse intorno al quale si svolge il secondo tentativo di Napoleoni, dopo quello della «Trimestrale», di dare forma di razionalità al suo prodotto culturale. (XVI)

[Gian Luigi Vaccarino, Introduzione a "Dalla scienza all'utopia", Bollati Boringhieri, Torino 1992]