Gianbernardo Miolo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Gianbernardo Miolo (1506 –), notaio e scrittore italiano.

  • Sopra la porta del borgo di Cardè.
    Concivi di Cardè questo è quel giorno | Che con fregio magior notar si deve | Puoi che venut'è a nuoi el dolce e adorno | Riposo, et la fortuna iniqua, e greve | Ch'absent'el Signor ne facea scorno, | Sarà sconfitta, e il giuogho ne fia lieve | Puoi ch'ogi è il giorno tanto desiatto | D'un Jacobo e d'un Anna sì illustratto. (da Cronaca)
  • Epigramma del populo di Cardè
    Giongesti pur o antiqua e chiara prole | Anna regal già desiatta tanto | Da nuoi hor vieni ch'el adesso vuole | Per te si mutti in riso il nostro pianto. | Risguarda donque il cuor ch'altro non vuole | Ch'a te servir; et vederai di quanto | Sii magior paradoxa. et l'opinione | Del stoyco non ne può far paragone. (da Cronaca)

Prosopopeia[modifica]

  • Selva: Chi ti costringe, o Po fiume regale | A divertir il tuo veloce corso | Torcendo giochi contro il tuo canale.
  • Po: Silva non ti stupir s'el mio discorso | Rivolgo altronde, che volendo anchora | Aprir tu giochi et rivoltar il dorso | Vedrai venir di qua Valla Signora | Specchio, e splendor di questi nostri liti | Le cui innate virtù ogni huom'honora. | Ecco donque Cardè tuoi duol finiti. | Giubila e corre inanti che hor ti lice | Veder lutto 'l tuo ben hor siate uniti | A riverirla: ho gente pur felice. | 0 gente di Cardè, ecco è venutta | La luce del tuo orror. Valma fenice Sotto le cui virtù vedrai riddutta | L'audatia et il rigor del tuo nimico. Qual già per lei l'animo fier commuta.

[Gianbernardo Miolo, Prosopopeia da Cronaca, in Miscellanea di storia italiana , Stamperie Reali, Torino 1862]