Giovanni Aiello

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni Aiello (1946 – 2017), agente segreto e poliziotto italiano.

Citazioni di Giovanni Aiello[modifica]

  • Tutti parlano di me come faccia da mostro, ma non credo di essere così brutto. [...] [Sul giorno del suo ingresso in Polizia] Pensavo di essere stato scartato, invece una mattina mi portarono in una caserma fuori Roma e mi accorsi che io, con il mio metro e 83 di altezza, ero il più basso. Molto tempo dopo ho saputo che tutti noi, 320 giovanissimi poliziotti ben piantati, eravamo stati selezionati come forza di supporto - non so dove - per il golpe del generale Giovanni De Lorenzo.[1]

Citazioni su Giovanni Aiello[modifica]

  • Io so che Aiello ha partecipato agli attentati di Firenze, di Maurizio Costanzo, dello stadio di Roma. Questo lo apprendo da lui ma so che partecipò anche Antonella. (Antonino Lo Giudice)
  • È stato il poliziotto Giovanni Aiello, alias 'faccia da mostro', a far saltare in aria Paolo Borsellino e i cinque agenti di scorta. [...] Fu lui a schiacciare il pulsante in via d’Amelio. [A confidarglielo è stato] Pietro Scotto quando eravamo in carcere all’Asinara. E anni dopo me lo confermò Aiello in persona. (Antonino Lo Giudice)

Note[modifica]

  1. Dall'intervista di Attilio Bolzoni e Salvo Palazzolo, Mafia, nel rifugio di Faccia da mostro: "Non sono io il killer di Stato", Repubblica.it, 5 dicembre 2013.

Altri progetti[modifica]