Giovanni Berlinguer

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Giovanni Berlinguer, 2008

Giovanni Berlinguer (1924 – vivente), uomo politico italiano e docente di medicina sociale.

  • I trapianti di tessuti e di organi costituiscono uno dei progressi più straordinari della terapia e della solidarietà umana, e anche per questo richiedono attenzione, coerenza, equilibrio e un costante impegno.[1]
  • La legge[2] si propone, e non è certo facile riuscirvi: di azzerare gli aborti terapeutici; di ridurre gli aborti spontanei; di assistere quelli clandestini. Si propone inoltre di favorire la procreazione cosciente, di aiutare la maternità, di tutelare la vita umana dal suo inizio. (da La legge sull'aborto, Editori riuniti, 1978)
  • L'idea forte della legge[2] era quella di affidare a persone competenti il compito di consigliare e di cercare le soluzioni che possano evitare l'aborto. Perché questo è scritto chiaramente nelle legge. Se poi nei consultori si mandano dei propagandisti per i quali l'aborto è un omicidio a confrontarsi con donne che soffrono, violandone la loro privacy ed esacerbando stati d'animo angosciati, questo potrebbe essere solo un grave danno e non contribuirebbe alla pace sociale né alla decisione responsabile che devono prendere le donne. (citato in Alice Frei, No alla commissione d'inchiesta sulla 194, Aprileonline, 22 novembre 2005)

Note[modifica]

  1. Da Chi ferma i trapianti, l'Unità, 5 settembre 2008, p. 27.
  2. a b Legge n. 194 del 22 maggio 1978 – Norme per la tutela sociale della maternità e sull'interruzione volontaria della gravidanza.

Altri progetti[modifica]