Girolamo Fontanella

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Girolamo Fontanella, (tra il 1610 ed il 1612 – 1644), scrittore e poeta italiano.

Citazioni di Girolamo Fontanella[modifica]

  • Collinette fiorite, ombrelle amene | sola al mondo non ha Pomona, e Flora; | ché Teti, e Citerea la giù pur tiene, | dentro l'onde del mar giardini ancora. || Sono l'alghe l'erbette e i fior l'arene, | ove ai pascoli suoi Proteo dimora; | frutti son quelle in mar conche serene, | che la luna inargenta e 'l sole indora. || Purpurino virgulto ivi natura | il ramoso corallo aver si vanta, | ch'è di magico sangue alma fattura.[1] || Dal tronco il nuotator destro[2] la schianta; | la prende molle e la ritrova dura,[3] | e dubbioso non sa s'è pietra o pianta. (Al corallo[4])

Note[modifica]

  1. Si credeva il corallo nato dal sangue di Medusa, la sola delle tre Gorgoni cui non era concessa l'immortalità. Cfr. Letteratura delle regioni d'Italia, nota a p. 181.
  2. Abile, veloce.
  3. Il corallo, molle nel mare, si indurisce fuori dall'acqua.
  4. Da Ode, Mollo, Napoli, 1638; in Raffaele Giglio, Letteratura delle regioni d'Italia, Storia e testi, Campania, Editrice La Scuola, Brescia, 1988, p. 181. ISBN 88-350-7971-3

Altri progetti[modifica]