Giulio Cesare Cortese

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Giulio Cesare Cortese (1570 – 1640), poeta italiano.

Citazioni di Giulio Cesare Cortese[modifica]

  • [...] le parole de Napule mpastate | non songo, frate mio, d'oro pommiento, | ma de zuccaro e mele, e famma vola | se fanno a tutte lengue cannavola[1]. [2]
  • Stace Napole mia, bella, e gentile, | sciore de 'Talia[3]e schiecco[4]de lo Munno, | mamma che face nascere l'Abrile | Tutto a no ventre | sempre co l'Autunno, | sott'a n'airo né gruosso né sottile, | 'nzino a mare commo uovo chino e tunno, | accanto a sciumme[5], e munte, e fontanelle, | Che 'nnanze foro giuvene e zitelle.[6]

Note[modifica]

  1. [...] le parole di Napoli impastate | non sono, fratello mio, d'oro falso, | ma di zucchero e miele, e la fama vola | se a tutte le lingue fanno gola.
  2. Da Viaggio di Parnaso, in Opere di Giulio Cesare Cortese in lingua napoletana, In questa XV. Impressione Purgate con somma accuratezza da infiniti errori, che le rendevano manchevoli, e difettose, e ridotte alla vera Perfettione dell'Autore, Per Novello de Bonis, Napoli, 1666, p. 12.
  3. Fiore di Italia.
  4. Specchio.
  5. Fiumi.
  6. Da Micco Passaro nnamorato, canto VI, in Collezione di tutti i poemi in lingua napoletana, Napoli, 1783, p. 53

Altri progetti[modifica]