Giuseppe Martucci

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Martucci

Giuseppe Martucci (1856 – 1909), compositore, pianista e direttore d'orchestra italiano.

Citazioni su Giuseppe Martucci[modifica]

  • Gli Inglesi che non sono così facilmente portati all'entusiasmo, nei quattro mesi che l'ebbero in Londra, si deliziarono alle sue Accademie, ed i pubblicisti di quella metropoli non ebbero pel Martucci che lodi, proclamandolo perfino pianist of Continental fame. (Giovanni Masutto)
  • Il Martucci è quindi assai giovane ancora, ma compì già il giro trionfale delle capitali d'Europa, lasciando tutti i pubblici affascinati, entusiasti dalla potenza del suo ingegno, perocché egli tratta il pianoforte con tanta maestria da cavarne fremiti di voluttà, risa, sospiri, accenti d'ira, scoppi di entusiasmo, che scuotono, elettrizzano, impongono. (Giovanni Masutto)
  • Martucci non era fatto per tirarsi dietro le folle plaudenti al virtuosismo vuoto, alle esecuzioni trascendentali: egli sentiva troppo altamente dell'arte e di sé stesso per concedere alcunché al virtuosismo anche palliato. Rendeva con geniale ed aggraziata forbitezza i piccoli quadri musicali; vivificava le pagine consacrate dalla classicità e di più complessa significazione con mirabile senso del disegno e del colore, con opportuna alternativa di sonorità, prono a quello che un maturo esame gli aveva indicato essere il sentimento dell'autore, al quale l'interprete non deve cercar mai di sostituire qualche cosa di proprio e di personale. (Giuseppe Ippolito Franchi-Verney della Valetta)

Altri progetti[modifica]