Giuseppe Ippolito Franchi-Verney della Valetta

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Ippolito Franchi-Verney della Valetta (1848 – 1911), musicologo e critico musicale italiano.

Citazioni di Giuseppe Ippolito Franchi-Verney[modifica]

  • Martucci non era fatto per tirarsi dietro le folle plaudenti al virtuosismo vuoto, alle esecuzioni trascendentali: egli sentiva troppo altamente dell'arte e di sé stesso per concedere alcunché al virtuosismo anche palliato. Rendeva con geniale ed aggraziata forbitezza i piccoli quadri musicali; vivificava le pagine consacrate dalla classicità e di più complessa significazione con mirabile senso del disegno e del colore, con opportuna alternativa di sonorità, prono a quello che un maturo esame gli aveva indicato essere il sentimento dell'autore, al quale l'interprete non deve cercar mai di sostituire qualche cosa di proprio e di personale.[1]

Note[modifica]

  1. Da Giuseppe Martucci, in Nuova Antologia di lettere, scienze ed arti, quinta serie, maggio-giugno 1909, volume CXLI della raccolta CCXXV, Direzione della Nuova Antologia, Roma, 1909, p. 722.

Altri progetti[modifica]