Hayley Williams

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Hayley Williams in concerto con i Paramore nel 2007

Hayley Williams (1988 – vivente), cantante e tastierista statunitense, membro fondatore della band rock Paramore.

Citazioni di Hayley Williams[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Questo è ciò che ho imparato nella mia vita: fare headbanging è cruciale. Crescere è una cosa difficile da fare. Non c'è niente di sbagliato nell'indossare un vestito.
This is what I've learned in my life: headbanging is crucial. Growing up is hard to do. There's nothing wrong with wearing a dress.[1]
  • Lavorare sodo è una buona cosa. Mi sono accorta che i ragazzi e io siamo estremamente fortunati ad essere dove siamo ora. Probabilmente sembra che stia parlando dall'alto a chi ora non fa tour e non vende dischi. Ma non è affatto così. Per arrivare a questo punto servono tanti sacrifici e tanto lavoro. E anche se un domani tutto questo ci potrà essere tolto via, per ogni briciolo di esso ne è valsa la pena.
Working hard is a good thing. I realize that the guys and I are extremely blessed to be where we are. It probably seems a bit like I'm talking down to anyone who isn't on tour or selling records. But it's not like that at all. It took a lot of sacrifice and years of touring and working our way from the ground up to get to this point. And even if it was all taken away from us tomorrow, every bit of it was worth it.[2]
  • Le cose che un tempo pensavo fossero importanti ora non non lo sono più così tanto. In passato, ho sacrificato chi ero per essere ciò che pensavo dovessi essere, in modo da rendere qualcuno felice... e ho finito per ferire altre persone almeno quanto ferivo me stessa. Per me essere innamorata di qualcuno significa dover accettare chi sono, e non permette ad altre persone di cambiarmi. E se qualcuno mi ama nonostante tutto questo, è già un buon inizio.
The things I thought were going to be important aren't actually so important. In the past, I've sacrificed who I was for who I thought I should be, in order to make someone happy... and it ended up hurting other people as much as it hurt me. For me to be in love with someone means that I have to accept who I am, and not allow another person to define me. And if someone loves me in spite of all that, then that's a start.[3]
  • Spesi circa tre settimane a Los Angeles prima di finire di scrivere il brano [Ain't It Fun], e mi sentì dispiaciuta per me stessa, il che è molto stupido. Mi trovavo a un grande bivio nella mia vita: devo tornare a casa a vivere la stessa vecchia vita con cui mi son sentita afflitta così a lungo o devo provare qualcosa di nuovo e uscire dalla mia condizione di stallo? Era come una lettera indirizzata a me stessa per farmi smettere di piangere.
I had spend about three weeks in LA before we made that record [Ain't It Fun], and I found myself feeling sorry for myself, which is so stupid. I was at this great crossroads in my life: Am I going to go home and live the same old life where I was miserable for so long or am I going to try something new and step out of my comfort zone? It was kind of a letter to myself to just stop crying.[4]
  • [Sulla vittoria del primo Grammy Award dei Paramore con Ain't It Fun] È fantastico poter dire di aver vinto un Grammy per essere stati noi stessi al 100%. Dei ragazzini provenienti da una relativamente piccola scena musicale... Niente può essere più bello di ottenere sempre supporto dai colleghi/protagonisti con cui siamo cresciuti. Essere omaggiati da colleghi/protagonisti che neanche immaginavano che noi esistessimo! Dalla scena punk rock alla radio a MTV ai Grammy... Siamo rimasti fedeli al nostro nome. Sono così fiera.
It is SO cool to be able to say we won a Grammy for being 100% ourselves. A few kids from a relatively small music scene... Nothing feels cooler than still getting support from the peers/heroes we grew up with. While being celebrated by peers/heroes we never imagined would even know we exist! From the punk rock scene to radio to MTV to the Grammys... We have remained true to Pmore. I'm so proud.[5]

Note[modifica]

  1. (EN) Dalla pagina Hayley's Profile, Paramore.net, 2009
  2. (EN) Dall'intervista Track-By-Track: Paramore, Alternative Press, 13 ottobre 2009.
  3. (EN) Dall'intervista Hayley Williams "Girls At School Called Me Gay, OMG, Music!, 16 novembre 2010.
  4. (EN) Dall'intervista di Jennifer Still, Ain't It Fun, Hello Giggles.com, 3 dicembre 2013.
  5. (EN) Dai tweet di Hayley Williams, 1, 2, 3, Twitter.com, 8 febbraio 2015.

Altri progetti[modifica]